E’ stato presentato, allo stadio “Monterisi”, il nuovo staff tecnico dell’Audace Cerignola 2018/2019, a cominciare dall’allenatore Dino Bitetto. Alla presenza (fra gli altri) del responsabile relazioni esterne, Angelo Angiolino, si è dato vita al nuovo corso ofantino in panchina. Bitetto, 59 anni barese, ha guidato nella scorsa stagione la Cavese, con cui ha terminato il campionato al secondo posto e vincendo poi la fase playoff superando nei due turni lo stesso Cerignola in semifinale ed il Taranto in finale. Un mister di notevole e comprovata esperienza, sia in Puglia che in altre regioni del Sud: nei suoi trascorsi si ricordano Manfredonia (doppio salto dalla D alla C1), Melfi in Seconda divisione e la promozione dalla C2 alla C1 col Giulianova. Bitetto predilige uno schema offensivo, che può variare dal 4-3-3 al 3-5-2 con esterni molto alti, come ammirato a Cava nel torneo 2017/18. Faranno parte dello staff inoltre, il viceallenatore e match analyst Andrea Destino (lo scorso anno a Melfi), il preparatore atletico Pasquale Sepe ed il confermato preparatore dei portieri Antonio Cagnazzo.

«E’ un progetto ambizioso quello dell’Audace Cerignola, ringrazio il presidente Grieco e la dirigenza tutta per la fiducia -esordisce il neotecnico-. Sarà una sfida molto stimolante perché la volontà è di essere protagonisti e di vincere il campionato, su questo non ci nascondiamo». Per ciò che concerne il parco giocatori, Bitetto predica prudenza: «Attendiamo la nomina anche del direttore sportivo per concentrarci su questo aspetto: ciò che posso dire è che allestiremo una rosa competitiva e con alternative valide in tutti i reparti, col giusto mix fra gente esperta e under di grande valore. Il modulo di gioco sarà da adattare alle risorse disponibili, sicuro non sarà un Cerignola che si chiuderà in difesa», conclude il trainer.

In ogni caso la società, in attesa della nomina dell’uomo mercato che indirizzerà la composizione dell’organico, può concentrarsi secondo le indicazioni della nuova guida tecnica alle conferme: fra coloro che hanno vestito la maglia cerignolana nel passato campionato, i candidati sembrano essere Allegrini, Pollidori, i due portieri (Abagnale e Maraolo) più qualche altro under e Sante Russo. Sembra vivo l’interesse per l’attaccante esterno Michele Portoghese, classe 1998 e cresciuto nelle giovanili del Bari, che da gennaio ha indossato la casacca del Taranto. Per quanto riguarda il ritiro precampionato, dovrebbe svolgersi in una località abruzzese in provincia di Chieti: mancano gli ultimi dettagli per confermare la sede e la data di svolgimento.