«Asserragliato nella sua stanza, Metta continua a postare video su Facebook continuando a raccontare bugie in maniera compulsiva». Commenta così il consigliere comunale Sgarro l’ultimo, delirante, video su SIA del sindaco di Cerignola.

«Ecco il decalogo delle ultime, drammatiche menzogne: 1) Le somme versate dal Comune di Cerignola coprono solo una mensilità netta (senza contributi, cessioni, ecc.) 2) Si riferiscono al 2017. Per il 2018 manco un euro. 3) Non sono nella disponibilità dell’amministratore unico perché le somme versate dopo il 3 luglio, data in cui si è fatto richiesta del concordato preventivo, e riferite a pagamenti antecedenti (stipendi compresi) devono essere autorizzate dal giudice (che deve approvare il tutto entro 120 giorni (almeno) 4) Se un sindaco/avvocato ignora queste procedure è incompetente come amministratore o come avvocato. O entrambi. 5) Se quelle somme riferite al 2017 e qualche fattura del 2018 (per non parlare dei 4 milioni di debiti con SIA), fossero stati corrisposti prima del 3 luglio, la situazione sarebbe stata completamente diversa. 6) I maggiori costi per il trattamento vengono sopportati da oltre due anni (impianto CISA di Grottaglie) per la scellerata decisione di far partire i lavori dell’impianto di biostabilizzazione di Cerignola con oltre un anno di ritardo e di non realizzare il VI lotto. 7) Quella scellerata decisione ha comportato il venir meno del conferimento di Manfredonia e degli altri comuni del sub appennino (così come previsto dal Piano Regionale) con un ulteriore danno economico di 3/4 milioni di euro. 8) Le scellerate a sua volta scelte di De Feo, sindaco di Trinitapoli, non cancellano le responsabilità di Metta. 9) Con quali soldi si noleggeranno nuovi mezzi e si acquisteranno nuovi cassonetti, come sparato nell’ultimo video, se quelli messi a disposizione bastano a coprire una sola mensilità netta? 10) Ma se in Prefettura era stato deciso di transitare tutto il personale ad ASIPU, c’è stato un ripensamento? E quando? E quando è stato comunicato ai sindacati?».

«Più chiari di così, su cosa stia combinando e cosa stia ancora raccontando nella sua scelleratezza Metta, non so come si possa essere -conclude Sgarro-».