maggioranza

Maggioranza compatta, a sentire le dichiarazioni del gruppo più consistente numericamente in consiglio, quello de “La Cicogna”. «La Maggioranza – dicono dal gruppo a 48 ore dal consiglio – ha approvato la Variazione di Assestamento Generale e controllo della Salvaguardia degli equilibri di Bilancio con 11 voti favorevoli contro 7 contrari dimostrando, per l’ennesima volta, di essere coesa e compatta». Dichiarazione in autotutela quella dei civici che stanno provando a ricucire con gli indipendenti Specchio e Novelli, seppure è forte il pressing di Forza Italia.

«L’approvazione del punto rappresenta il più grande atto di fedeltà verso il programma politico da noi progettato – dicono -, il più elevato senso di responsabilità nei confronti della Comunità che ci ha eletti. Amministrare una Città con una lunga serie di problematicità ataviche e mai risolte obbliga a prendere delle decisioni impopolari ma che mirano alla salvaguardia dell’intera Comunità. Sappiamo bene che dobbiamo fare enormi sacrifici, comprendiamo anche la polemica nata intorno all’aumento della TARI del 36% ma il dovere istituzionale a tutela della Comunità non può e non deve essere distratto dalla paura di scelte di difficile accettazione da parte della Comunità. Pensare di Amministrare con il “consenso universale” sarebbe come  non amministrare, siamo stati eletti per decidere e non sempre le decisioni sono semplici e felici. Abbiamo trascorso intere giornate di studio, di confronto, di scontro, giornate di approfondimento volte ad aumentare la consapevolezza delle proprie scelte politiche. Abbiamo preferito andare in seconda convocazione per concedere ad ogni Consigliere Comunale maggior tempo di riflessione per ottenere la massima sicurezza delle proprie azioni. Non è facile votare con un parere sfavorevole da parte dei Revisori dei Conti, non è facile analizzare ogni punto di quel parere e, nel contempo, ogni omissione, ogni riferimento ed ogni inesattezza. Abbiamo votato a favore perché convinti delle nostre tesi e dell’opportunità delle nostre scelte che apriranno un nuovo percorso nel settore della pulizia urbana volto a migliorare, a decollare e a garantire i livelli occupazionali dei lavoratori SIA».

Passaggio in difesa dei propri numeri: «la maggioranza esiste e lo ha dimostrato, non è l’assenza del Consigliere Rendine o l’uscita dall’Aula Consiliare del Gruppo di Forza Italia ad aver avvantaggiato la maggioranza, avevamo i numeri e con quei numeri abbiamo approvato il punto all’ordine del giorno». Mano tesa agli indipendenti poi in forma di ringraziamento: a «Vincenzo Specchio che, nonostante alcune perplessità, non ha fatto mancare la propria presenza» e al «Consigliere Antonio Novelli che, solo ed esclusivamente per questo Consiglio Comunale ha preferito assentarsi seppur garantendo la propria futura presenza in maggioranza». Sarebbe quindi compatta la maggioranza di Metta, composta da i gruppi consiliari “La Cicogna” e “Federazione Civica” e – scrivono i cicognini – «dalla presenza degli indipendenti Ale Frisani, Vincenzo Specchio e Antonio Novelli».