Il Sindaco di Cerignola, avv. Francesco Metta, di concerto con l’Assessore all’Ambiente, dott.ssa Anna Maria Mininni, confermano l’arrivo in data odierna del primo compattatore messo a disposizione della SIA srl al fine dello svolgimento delle normali attività di raccolta dei rifiuti solidi urbani. Si tratta di un compattatore di media portata da 120 quintali, a due assi, con carica posteriore, compatibile con altre attrezzature esistenti e con cassoni e presse. Il mezzo è messo immediatamente a disposizione dell’azienda che si occupa del servizio di raccolta.

«Questo è il primo dei mezzi prestabiliti a servizio del Comune di Cerignola, a breve avremo a disposizione altri compattatori, unitamente alle spazzatrici stradali – afferma il Sindaco Metta -: inoltre, nel rispetto di quanto annunciato, entro sabato 4 Agosto, saranno consegnati al Comune di Cerignola i primi 150 cassonetti in acciaio zincato da litri 1100/1300, che saranno posizionati sull’intero territorio cittadino seguendo lo schema di sostituzione in primis di quelli inutilizzabili a causa dei numerosi atti vandalici subiti, nonché a servizio di quelle zone densamente popolate, attualmente servite da un numero esiguo di cassonetti. Si prevede, oltremodo, una pulizia e disinfestazione dell’area di posizionamento degli stessi».

Richiesta dall’Assessore all’ambiente particolare attenzione nella scelta del posizionamento degli stessi, secondo i seguenti criteri di sicurezza:

  • distanza di almeno 15 metri dai serbatoi degli impianti di distribuzione di gas, benzina, metano e altre fonti di materiale infiammabile;
  • distanze di 5 metri dalle cabine di distribuzione del gas metano, dell’energia elettrica e dalle centraline telefoniche
  • sopra il cassonetto, per una altezza di circa 6 mt. non devono essere presenti ostacoli (rami, segnaletiche, lampioni ecc.)
  • davanti al cassonetto deve essere libero uno spazio per la sosta del mezzo all’atto dello svuotamento.

Per quanto riguarda invece i criteri di igiene si deve cercare di rispettare una congrua distanza rispetto alle civili abitazioni, ma soprattutto da ingressi di negozi e attività commerciali di tipo alimentare e ristorativo quali bar, pasticcerie, alimentari, supermercati, tavole calde, paninoteche, ristoranti, farmacie.

«Questa prima organizzazione territoriale dei cassonetti – continua il Sindaco Metta – precede oltremodo quelli che saranno i criteri da adottare per il posizionamento dei cassonetti stradali per la raccolta differenziata».