carabinieri-cerignola

E’ di tre persone arrestate e di una quarta denunciata il bilancio degli ultimi controlli effettuati dai Carabinieri della Compagnia di Cerignola. Nel centro ofantino, in particolare, i militari della Stazione di Cerignola traevano in arresto PISTILLI MATTEO cl. 84, pregiudicato cerignolano. L’uomo, sottoposto agli arresti domiciliari da quando, pochi giorni addietro, era stato trovato a smontare unitamente ad un complice due auto oggetto di furto, veniva sorpreso all’esterno della propria abitazione. Accusato del reato di evasione veniva risottoposto agli arresti domiciliari.

Sempre i militari della Stazione di Cerignola deferivano in stato di libertà un ventenne incensurato di Cerignola, per detenzione ai fini di spaccio di hashish. Il giovane, a bordo del proprio scooter, alla vista dei militari tentava la fuga, che si concludeva immediatamente grazie alla prontezza degli uomini dell’Arma che non si lasciavano sorprendere. Bloccato e sottoposto a perquisizione personale e veicolare, veniva trovato in possesso di 8 stecchette di hashish, del peso di 22 grammi, quantitativo del tutto superiore alle esigenze personali se si pensa che il giovane abitava a poche decine di metri da dove veniva fermato e che quindi non aveva motivo di andare in giro con tutta quella droga.

A Stornara ancora un arresto per evasione. Si tratta di DIBARTOLOMEO MARCO cl. 80, sorpreso per le strade del paese senza alcuna autorizzazione, veniva risottoposto agli arresti domiciliari.

I militari della Stazione di Trinitapoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare a carico di BAH MOHAMED cl. 83, pregiudicato originario della Guinea. L’uomo, già tratto in arresto nel settembre scorso per rapina impropria di una bicicletta, a seguito di ulteriori accertamenti degli uomini dell’arma veniva riconosciuto responsabile di un altro furto di bicicletta, avvenuto nei giorni precedenti. Sulla scorta delle indagini dei militari, veniva emessa dal GIP del Tribunale di Foggia un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico del provetto ladro, rimasta ineseguita a partire dal febbraio scorso a causa della latitanza dello stesso che, nei giorni scorsi, a seguito di un prolungato servizio di osservazione e pedinamento, veniva sorpreso e arrestato per le strade di Barletta.