Foggia ed Audace Cerignola si confronteranno domenica, con inizio alle ore 18, sul terreno dello stadio “Pino Zaccheria”. Un importante test amichevole per entrambe le formazioni ed un impegno di rilievo per i gialloblu di Bitetto, opposti ai rossoneri che saranno al via per il secondo anno consecutivo in serie B. Una sfida fra le due compagini che manca da decenni, un’occasione per testare i rispettivi gruppi in vista dell’inizio dei tornei di appartenenza.

Il Foggia di Grassadonia domenica scorsa ha disputato il suo primo impegno ufficiale proprio fra le mura amiche, uscendo sconfitto 1-3 dal Catania nel secondo turno di coppa Italia: una battuta d’arresto metabolizzata con filosofia dai “satanelli”, alle prese con numerose defezioni importanti (prima fra tutte Mazzeo) ed una condizione atletica ancora da migliorare. Ciononostante, Bizzarri e compagni in alcuni frangenti hanno giocato alla pari con gli etnei, concedendo errori poi rivelatisi fatali nell’economia del match facendo scaturire i gol dei rossazzurri.

Per l’Audace Cerignola di Bitetto si tratterà del terzo match precampionato: dopo il 6-1 nella prima uscita all’Ovidiana Sulmona, mercoledì è stato 2-2 contro l’Albalonga, team che sarà anch’esso al via della serie D. Nonostante i laziali fossero più in palla e con giorni di lavoro in più sulle gambe, visto l’impegno in coppa Italia col Sudtirol, gli ofantini hanno ripreso per due volte gli avversari. Lattanzio e Sante Russo in rete nel Cerignola, con buone indicazioni per il tecnico barese: il confronto di domenica chiuderà di fatto la fase di ritiro, con il lavoro che presumibilmente sarà ripreso dopo Ferragosto.

Prezzi assolutamente popolari per assistere al match: in tutti i settori il tagliando costerà 1 euro, più diritti di prevendita. Sarà possibile acquistare il biglietto entro le ore 19 di sabato per il settore ospiti (per il quale non sarà attiva la vendita online e la rivendita accreditata a Cerignola è la Tabaccheria del Corso, in corso Garibaldi). Un evento che testimonia i buoni rapporti e la stima reciproca fra le due società, le quali rappresentano il fiore all’occhiello del panorama calcistico provinciale (non solo) e che puntano a distinguersi con le loro imprese.