Prosegue l’allestimento della rosa de La Fenice, formazione cerignolana che sarà al via del campionato di serie B maschile a partire da metà ottobre. Fra conferme e la volontà di puntare su giovani di talento, negli ultimi giorni diverse sono state le operazioni della dirigenza rossonera. Innanzitutto c’è stato il rinnovo con il secondo palleggiatore Andrea Tauro, già da due stagioni con gli ofantini ossia dal torneo di serie D. Grinta da vendere e professionalità assoluta, è una pedina fondamentale nello scacchiere del mister Tauro, potendo contare spesso e volentieri su di lui, per togliere le castagne dal fuoco. «Ormai sono al terzo anno in Fenice, una società giovane che dà spazio ai giovani, son contento che il lavoro e la fatica fatta in palestra siano state ripagate con la fiducia che la società mostra nei miei confronti. L’anno sportivo appena passato è da incorniciare, ma ora dovremo confrontarci con un campionato nazionale veramente difficile che necessiterà di molto lavoro in palestra e grandi stimoli personali», è il commento dell’alzatore foggiano.

Sottorete invece è stato annunciato l’arrivo del giovane Luca Palmisano: classe 1998, la stagione scorsa era in C a Molfetta e precedentemente per tre stagioni ha giocato a Talsano, sempre nel massimo campionato regionale. Il centrale si è presentato così alla pagina ufficiale della società: «Sono molto entusiasta di iniziare questa nuova esperienza nella Fenice Volley Cerignola, per me prima esperienza in campionato nazionale di serie B. Sono sicuro che ci sarà un ottima intesa con i miei compagni di squadra e con il mio nuovo allenatore Tauro. Da parte mia ci sarà sempre il massimo impegno negli allenamenti e ancor di più in gara sicuro di essere supportato dal caloroso pubblico che cercherò di non deludere mai. Ci vediamo in campo per iniziare insieme questo avvincente campionato sempre pronto ad affrontare la squadra avversaria con rispetto ma con tanta grinta». Alto 200 cm, Palmisano si caratterizza per agonismo e determinazione, nonché per una statura importante soprattutto in fase muro.

L’ultimo in ordine di tempo è invece il ritorno di un prodotto locale, che riveste la maglia dei “diavoli rossi” a due anni dall’esperienza in serie D: Antonio Basso, laterale classe 2000, cresciuto nelle giovanili dell’Udas ha ora l’opportunità di far parte di un organico che calcherà i campi della terza serie nazionale. «Sono molto contento di continuare a far parte della famiglia Fenice -dice Basso-. Quest’anno per me sarà di ulteriore stimolo visto l’importanza del nostro girone, e con grande piacere ritorno alla guida di mister Tauro e del Prof. Mancini. Infine ringrazio la dirigenza della Fenice per aver creduto ancora una volta in me. Orgoglioso di far parte di questa squadra». A breve ci sarà il raduno e l’inizio della preparazione, per una affascinante ed importante avventura, la prima del giovane sodalizio cerignolano in B.