Audace Cerignola

La terza giornata del girone H di serie D propone subito un interessantissimo confronto per l’Audace Cerignola, con la sfida al lanciato Bitonto: una trasferta ostica che rappresenta un test significante per la formazione ofantina. I ragazzi di Dino Bitetto sono reduci dal pareggio interno contro il Sorrento domenica scorsa, nella prima uscita interna in campionato al “Monterisi”: non è bastata una seconda frazione giocata costantemente nella metà campo avversaria per riuscire a centrare i tre punti. Una prestazione a due volti dei gialloblu, non molto continui nel primo tempo e poi assai determinati nella ripresa, conclusa anche con l’amaro in bocca per via dell’ingiusto annullamento della rete di Siclari appena iniziato il recupero. Le immagini tv hanno chiarito la piena regolarità dell’azione, ma recriminare ormai non serve a nulla e c’è da concentrarsi sull’imminente impegno barese. Le potenzialità del gruppo cerignolano sono enormi e più volte rimarcate, ancora c’è da limare qualcosa nei livelli di fluidità del gioco e di meccanismi, con il beneficio inoltre che gran parte dell’organico è stato rivoluzionato ed è naturale si abbia bisogno di tempo per l’amalgama ottimale. Il match di domani dovrà essere affrontato con enorme determinazione, desiderio di vittoria e agonismo sfrenato: il “Città degli Ulivi” è fra i campi più duri di questo girone H.

Tutti a disposizione per il tecnico barese: scontata la squalifica, è disponibile anche Di Cecco. Non dovrebbero esserci però stravolgimenti nell’undici iniziale, difesa e centrocampo confermati mentre potrebbe riavere una maglia da titolare Vittorio Esposito. Vasta scelta alla bisogna in avanti, contando anche sul rientro di Siclari, già in campo una settimana fa.

E’ un Bitonto indubbiamente col morale decisamente alto ad aspettare le “cicogne”: il pareggio a Taranto all’esordio, il larghissimo successo casalingo col Pomigliano e lo storico blitz a Bari in coppa Italia hanno evidenziato le qualità della rosa a disposizione di Pizzulli. L’allenatore che sfiorò la vittoria nella coppa Italia Dilettanti nel 2013 sarà uno dei tre grandi ex della gara, assieme al cerignolano Michele Cappellari e a Vito Di Bari. Dopo la promozione di giugno, l’Omnia ha assunto nuovi colori e denominazione per riportare i neroverdi in serie D dopo otto anni. Magari a fari spenti e senza proclami, eppure il materiale tecnico non manca a Pizzulli per recitare un ruolo da protagonista nel torneo: Montrone in difesa; Biason, De Santis, Camporeale e Fiorentino in mediana; Patierno, Picci, Turitto in prima linea sono pedine esperte e navigate per la categoria. Il secondo appuntamento consecutivo davanti al proprio pubblico misurerà la consistenza delle abbottonate ambizioni bitontine, con già 4 punti in classifica.

Ultimo precedente fra Cerignola e Bitonto in Eccellenza, l’8 dicembre 2016: terminò 2-2 con i gialloblu che rimontarono due volte i rivali, grazie alle marcature di Di Rito e Sante Russo (al 95′). Calcio d’inizio alle ore 15, con la direzione arbitrale affidata al sig.Zanotti, della sezione di Pavia.