Scuote i palazzi del potere la notizia/indiscrezione venuta fuori dalle pagine del Quotidiano Italiano di Bari. Si tratta di Sanitàservice e di assunzioni (10 solo a Cerignola) effettuate – pare – attraverso un’agenzia interinale, “scavalcando” di fatto la procedura a bando. Uno stratagemma che ha messo in fermento la sanità foggiana, attirando le critiche di alcune sigle sindacali. Ma non solo. Chiarimenti precisi si chiedono alla politica – la Regione – e all’ASL Fg, socio di unico di Sanitàservice. Di seguito il pezzo integrale della testata barese.

Bufera sulla Asl di Foggia per alcune presunte assunzioni già fatte dalla Sanitaservice  attraverso un’agenzia interinale. Persino alcuni sindacalisti scafati sono caduti dalle nuvole quando si è diffusa la voce della somministrazione di lavoro interinale in alcune strutture sanitarie della Asl foggiana. Ci sarebbero addirittura i numeri: 10 a Cerignola, 2 a Monte Sant’Angelo, 5 a San Severo, 5 a San Marco in Lamis e 2 a Lucera.

Non solo, nei giorni scorsi sarebbero stati effettuati altri colloqui ad una decina di persone. Non conosciamo i dettagli dell’operazione in quanto sia la Asl che la Sanitaservice non hanno diramato comunicati ufficiali. Fosse confermata, la notizie creerebbe non pochi imbarazzi, soprattutto perché era stato bandito un percorso pubblico per le nuove assunzioni relative al fabbisogno nelle strutture sanitarie della Asl di Foggia.

Le fibrillazioni sono tante e iniziano ad esserci le prime richieste di chiarimento. “Fosse confermata la notizia ci troveremmo di fronte a un fatto particolarmente grave – tuona Giusepe Mesto, segretario regionale Ugl Sanità Puglia -. Chiederemo a stretto giro informazioni e chiarimenti al direttore generale della Asl di Foggia, Vito Piazzolla, e all’amministratore unico di Sanitaservice Asl Foggia Massimo Russo. Siamo certi che il fabbisogno sia reale, ma non si possono aggirare le norme che regolano le assunzioni nelle Pubbliche amministrazioni, essendo di fatto il socio unico della Sanitaservice proprio la Asl”.

La notizia sulle eventuali assunzioni sta creando non poco fermento tra le migliaia di pugliesi e non che hanno presentato la loro candidatura per quei posti di lavoro. Il primo faccia a faccia potrebbe esserci già il prossimo 17 ottobre, quando lo stesso Russo ha convocato le organizzazioni confederali per discutere di alcuni importanti punti tra gli alti proprio quello relativo al “personale assunto mediante agenzia interinale – modalità di utilizzo al termine delle scadenze contrattuali”.