Non si arresta la querelle tra Maria Dibisceglia e l’amministrazione comunale, nella fattispecie il vice Sindaco Rino Pezzano (clicca qui per leggere, ndr). Nella giornata di ieri infatti al comunicato della dem che aveva chiesto conto dello sgombero di Palazzo Carmelo, ma sopratutto del futuro delle associazioni lì collocate, aveva replicato proprio Pezzano rassicurando la Dibisceglia e invitandola ad evitare brutte figure.

L’ex-Pd Pezzano aveva precisato come vi fosse già posto all’interno dell’ex Liceo Classico per l’associazione Casa Di Vittorio. Da qui la nuova replica della dem, voce solista di un partito, il Pd, evidentemente fermo. «Stando alle sue dichiarazioni – dice Dibisceglia -, dato che ad oggi non esiste un pezzo di carta che preveda questo trasloco, l’Amministrazione comunale ha scelto di onorare la memoria di Giuseppe Di Vittorio spostando l’Associazione a lui intitolata da un palazzo inagibile ad un’altra sede a sua volta inagibile. Dato che io, gli altri consiglieri e la dirigenza del Partito Democratico cerignolano crediamo nell’onestà intellettuale del vicesindaco, siamo certi che mercoledì pomeriggio porterà in Consiglio Comunale il certificato che attesta l’agibilità dell’ex liceo Classico, dando la certezza a chi frequenterà quei locali di non correre alcun rischio. Se così non dovesse essere, tuttavia, non potrà che presentare in Consiglio Comunale le sue dimissioni, avendo dimostrato ancora una volta di essere artefice, con gli altri, della politica dei giochetti subdoli, delle c.d. pezze a colori e delle prese in giro a danno della cittadinanza», chiosa la dem.