Giornata numero 6 dei principali campionati di volley: giocherà in casa La Fenice, trasferte per Libera Virtus e Pallavolo Cerignola. Nella serie B unica maschile (girone E), i rossoneri di Pino Tauro ospiteranno domenica (ore 18) la M2G Group Bari nel primo derby regionale del torneo. La Vini Errico è reduce dalla sconfitta al quinto set del precedente turno ad opera della Bontempi Casa Netoip Ancona: se da un lato il risultato è servito per muovere per la seconda settimana consecutiva la classifica, dall’altro l’esito del match di Collemarino ha lasciato un po’ di amaro in bocca perché i “diavoli rossi” si erano trovati in vantaggio di due set. Malgrado ciò, uno degli aspetti più positivi del viaggio marchigiano è stato la combattività espressa in tutto l’arco della partita, con Ancona che ha dovuto soffrire e non poco per aggiudicarsi i due punti. Conclusa la normale parentesi di ambientamento e metabolizzata l’emozione per la prima assoluta in una competizione nazionale, La Fenice sta salendo di tono settimana dopo settimana e cercherà di avanzare in classifica e porsi in una posizione più tranquilla. Dall’altra parte della rete ci sarà una M2G Group Bari che ha osservato il riposo ed è a quota 6 (due vittorie e altrettante sconfitte): i biancorossi in versione esterna sono andati sempre a punti, entrambe le volte al tie break con Ancona e Fano. Formazione esperta quella biancorossa e dunque da prendere senza dubbio con le molle: fra i cerignolani occhi puntati su Vincenzo Petruzzelli, ex dell’incontro e grande trascinatore de La Fenice.

Nel girone D della B1 femminile, secondo big match consecutivo per la Cannone Libera Virtus, impegnata domani (ore 16) nel confronto con la Giòvolley Aprilia. Le gialloblu guidate da Marco Breviglieri domenica scorsa hanno piegato al pala “Dileo” 3-1 Santa Teresa di Riva, appropriandosi del momentaneo primato in graduatoria. La prestazione contro la siciliane è stata di grande sostanza, in una gara che ha regalato spettacolo ed emozioni: secondo l’allenatore ferrarese la Cannone è in visibile crescita e l’andamento delle ultime settimane lo dimostra, con tre vittorie consecutive. Il test in terra laziale è importante per verificare le ambizioni del team virtussino: anche se si tratta solo del sesto turno e in un raggruppamento molto equilibrato, le cerignolane hanno le potenzialità per essere protagoniste, come evidenziato dallo stop inflitto alle messinesi, fino a quel punto imbattute. Aprilia arriva dal turno di riposo e dal ko inflitto proprio da Santa Teresa di Riva quindici giorni orsono: davanti ai propri tifosi e con una rivale quotata, la voglia di rivalsa del sestetto di Gagliardi non mancherà. Sono 8 i punti in classifica della Giòvolley, che dispone in organico di giocatrici quali Sestini, Liguori e Muzi, non nascondendo le mire di giocarsela fino alla fine per la promozione, dopo i playoff disputati la stagione passata. Dal canto proprio, Neriotti e compagne metteranno sul piatto l’arcigna difesa e la varietà di soluzioni in attacco, per confermarsi in vetta.

La Brio Lingerie Pallavolo Cerignola scenderà in campo domenica (ore 18) per affrontare la Damiano Spina Oria, nel girone H di B2. La compagine allenata da Pino Filannino incrocerà una squadra da medio-alta classifica, come testimoniano gli 11 punti fin qui collezionati -bilancio di quattro affermazioni ed una sconfitta-, che arriva da tre vittorie consecutive e vanta elementi di lunghissima esperienza e di buonissime qualità. Il riferimento va alla 38enne centrale Diomede, alla regista Peluso, alla fuorimano Colarusso, alla laterale Leone. Non è un periodo particolarmente brillante per le fucsia, battute in casa sabato scorso al tie break da Offida nonostante il vantaggio parziale di due set a uno. Lontano da casa poi, la Pallavolo Cerignola ha al momento rimediato due sconfitte entrambe per 3-0 ed è quantomai necessario iniziare a conquistare punti anche in trasferta per non essere risucchiata nelle sabbie mobili. Lo scotto da pagare al cospetto di formazioni dotate di maggior esperienza ci sta tutto, eppure la freschezza e la gioventù delle ofantine inducono a pensare che ci sono ampi margini di crescita e una serie di prestazioni convincenti condite da punti aumenterebbe sensibilmente autostima e morale. Il derby con le brindisine si prospetta assai ostico, la Brio Lingerie vorrà dimostrare di sapersi giocare le sue carte non solo al pala “Dileo”.