E’ ricominciata la settimana scolastica e gli alunni di molte scuole di Cerignola si sono ritrovati al freddo a causa del brusco abbassamento delle temperature a partire da venerdì. Una situazione rispetto alla quale si registra un evidente ritardo, considerato che siamo ben oltre la metà di novembre e, pare, non si ancora stata fatta la consueta manutenzione prima di provvedere all’accensione del sistema di riscaldamento.

Proteste dei genitori, che hanno minacciato, soprattutto per quel che riguarda le scuole primarie e materne, di non mandare a scuola i propri figli in considerazione delle temperature di questi giorni. Una minaccia che potrebbe diventare concreta a partire da domattina.

Stante le disposizioni i riscaldamenti dovrebbero essere accesi e garantiti dall’1 novembre al 15 aprile: esiste un ritardo e un problema. Già questa mattina infatti sono state diverse le segnalazioni giunte a Palazzo di Città dai plessi scolastici, che tuttavia hanno svolto e svolgeranno regolarmente le proprie attività, nonostante il freddo.