In data 13 settembre 2018 Daniele Dalessandro, Consigliere Comunale del PD, in un comunicato stampa chiedeva chiarezza sulle misure di compensazione inerenti l’inceneritore ETA di Contrada Paglia. Dichiarava Dalessandro: “Ci sono alcune domande che meritano una risposta: come vengono calcolati da ETA gli effetti deteriori successivi alla realizzazione dell’impianto di incenerimento? E su quali criteri questi sono risultati congrui a Metta? Sono sufficienti due altalene e quattro scivoli per compensare tali effetti in termini ambientali?”. In data 19 Settembre l’Assessore all’Ambiente, dott.ssa Anna Maria Mininni, replicò al consigliere Dalessandro dichiarando: “Evidentemente il Consigliere Dalessandro non sa che nel Documento Tecnico Allegato A alla D.D. Servizio Ecologia della Regione Puglia del 14/09/2010, n. 437, Cap. 11 è previsto che il Gestore dovrà predisporre e sottoporre all’approvazione della Regione Puglia, sentite le Amministrazioni Comunali di Cerignola, Manfredonia e Foggia, un programma di misure di compensazione dell’intervento di insediamento dell’impianto che tenga conto del complessivo equilibrio del sistema di gestione dei rifiuti soliti urbani”.

In data 21 Novembre 2018, la Giunta Comunale di Manfredonia con Delibera Prot. N. 233 approva il programma di misure di compensazione 2018/2020 inerenti l’impianto ETA. Il Sindaco di Cerignola, avv. Francesco Metta, a tal proposito dichiara:

“Si dimostra, ancora una volta, che si parla per il solo scopo di fare uscire aria dalla bocca. Dalessandro chiedeva “come vengono calcolati da ETA gli effetti deteriori successivi alla realizzazione dell’impianto di incenerimento”, rispose abbondantemente l’Assessore all’Ambiente del Comune di Cerignola. Esiste il Documento Tecnico del Servizio Ecologia della Regione Puglia, del 14/09/2010 n. 437. In questo Documento è previsto che il Gestore dovrà predisporre e sottoporre all’approvazione della Regione Puglia un programma di misure di compensazione, sentite le Amministrazioni Comunali di Manfredonia, Cerignola e Foggia. Ad ogni comune la misura di compensazione ammonta ad € 45.000 per il triennio 2018/2020, pari il 3% dei proventi. Approvammo il programma con Delibera di Giunta e destinammo quelle somme per la fornitura di attrezzature ludiche, comprensive di pavimentazione antitrauma, per il Parco della Villa Comunale.

IConsigliere Dalessandro prenda atto che la Giunta Comunale di Manfredonia, giusto 8 giorni fa, ha approvato il Programma di misure di compensazione 2018/2020 esattamente come fece la Giunta di Cerignola a Settembre e come farà quella di Foggia a breve. Il Consigliere Dalessandro prima di fare inutili e puerili proteste farebbe bene a leggere gli atti, studiare le carte ed informarsi onde evitare inutili magre figure”.