Ancora furgoni rubati finiti nella rete dello smercio degli autoricambi a Cerignola, e ancora tre arresti operati dai Carabinieri della Stazione di Cerignola. Si tratta di CORTESE GIUSEPPE, cl. ’84, pregiudicato cerignolano, NITÀ VICTOR CATALIN, cl. ’90, pregiudicato di origini rumene ma da tempo residente ad Orta Nova, e CONDREA IVAN, cl. ’90, incensurato di origini moldave.

Durante i consueti servizi di pattugliamento del territorio cittadino i Carabinieri si sono incuriositi per un sospetto viavai di persone all’interno di una autodemolizione. Avendo quindi intuito che vi potessero essere dei motivi di natura poco lecita, dopo aver chiamato rinforzi ed aver circondato il recinto dell’autodemolizione, vi hanno fatto irruzione e, nonostante un appena accennato tentativo di fuga dei soggetti sospetti, sono immediatamente riusciti a bloccarli. I tre stavano armeggiando su due furgoni, già parzialmente smontati. Gli immediati accertamenti dei Carabinieri hanno permesso di stabilire che i due mezzi erano stati rubati nei giorni precedenti a Grumo Appula e a Modugno, nell’hinterland barese, e per tale ragione sono stati recuperati e restituiti ai legittimi proprietari, che avevano ormai perso ogni speranza di recuperarli.

I tre soggetti, invece, sono stati tratti in arresto per ricettazione e riciclaggio in concorso e rinchiusi nel carcere di Foggia. A seguito dell’udienza di convalida dell’arresto, tutti e tre sono stati sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

Questo slideshow richiede JavaScript.