Cerignola e ASD Barletta 1922 (le cui tifoserie sono gemellate) INSIEME per la maratona benefica in favore della sfortunata studentessa di Barletta. Vittima di un gravissimo incidente Chiara necessita di costosissime cure per tornare a vivere. Appuntamento a domani, sabato 29 dicembre, alle ore 15, presso lo stadio ‘Monterisi’ di Cerignola. All’ingresso dei settori ‘Tribuna’ e ‘Distinti’ sarà possibile devolvere la propria offerta volontaria. Il presidente Nicola Grieco: ‘Confidiamo nel buon cuore della città di Cerignola’.

Chi è Chiara e perché aiutarla?

Chiara Corcella è una ragazza di 20 anni di Barletta ex studentessa del liceo scientifico Carlo Cafiero definita da amici e parenti come una persona solare e determinata. Purtroppo il 4 settembre scorso la sua vita è stata stravolta. Chiara studentessa universitaria di ingegneria, decise di frequentare l’università europea e di partire per l’Erasmus al fine di fare un esperienza all’estero per migliorare la propria conoscenza nelle lingue inglese e spagnolo. Precisamente ha iniziato questo percorso di studi in un polo ingegneristico importante a Manresa, paese di 80 mila abitanti poco distante da Barcellona. Un giorno mentre stava fumando una sigaretta con la sua amica, seduta sul davanzale della finestra della sua stanza, il muretto cede sgretolandosi e facendo precipitare Chiara nel vuoto finendo prima su un auto e poi a terra.

Subito soccorsa dagli amici Chiara con il battito a minimo senza dar alcuna risposta, entra in coma. L’intervento al cervello è durato cinque ore e i medici le hanno dato il 50% di possibilità. Chiara ha lottato per la vita e la morte e dopo venti giorni ha riaperto gli occhi. Però il processo di recupero pare sia lungo e costosissimo. Il danno è principalmente neurologico e secondo il professor Leopold Saltuari neuro-riabilitatore, un miglioramento per la ragazza può essere possibile presso la clinica neurologica e di neuro riabilitazione acuta Hochzirl a pochi chilometri da Innsbruck. Una clinica il cui costo della degenza è pari a 1000 euro giornalieri. Di qui l’appello a tutti da parte dei genitori nel tentativo di riuscire ad affrontare tali spese chiedendo aiuto alla collettività per cercare di riuscire a sostenere economicamente Chiara nella sua riabilitazione. La città di Barletta ha risposto mobilitandosi sempre più per riuscire a dare un contributo alla famiglia di Chiara: ora tocca a Noi!