Penultimo atto del girone d’andata nei principali tornei di volley: la serie B disputerà la dodicesima giornata, con due nostre formazioni impegnate in casa (Pallavolo Cerignola e Libera Virtus) ed una in trasferta (La Fenice). Nel girone E della B unica maschile, altro derby per i rossoneri allenati da Pino Tauro: domani (ore 18.30) il confronto ad Andria contro la Florigel. Non si tratta certo di un momento fortunato per la Vini Errico, reduce da una serie negativa giunta a sei sconfitte consecutive e con il pesante fardello dell’ultimo posto in classifica da sopportare. In attesa dei rinforzi annunciati anche dal tecnico nel dopo gara del match perso in casa per mano di Osimo domenica scorsa, è necessario rimboccarsi le maniche ancora una volta e cercare di tornare a muovere una classifica che si sta rendendo sempre più asfittica. Quattro soli punti finora conquistati e quattro anche le distanze dalla zona salvezza: auspicabile che, prima del giro di boa, La Fenice riesca a limare qualcosa per giocarsi tutto nel ritorno. La Florigel Andria è tranquilla in ottava posizione con 12 punti e proviene da due stop consecutivi: il capitano e centrale Porro è l’elemento più rappresentativo dei federiciani. “Diavoli rossi” invece che sperano di aver messo alle spalle la settimana complicata pre Osimo, presentandosi in buone condizioni per provare a strappare un risultato positivo.

Torna al pala “Dileo” la Cannone Libera Virtus nel girone D di B1 femminile: la Ferraro Lamezia è attesa domenica, alle ore 18. Il sestetto di Marco Breviglieri è finalmente riuscito a sorridere nuovamente anche lontano da casa, attraverso la tenace e bella rimonta ai danni di Arzano del precedente turno. Il successo al tie break ha posto le gialloblu al terzo posto della graduatoria, a soli tre punti dalla vetta adesso occupata da Aprilia: un cammino sinora senza dubbio positivo delle virtussine, mostratesi in terra campana dotate di grande grinta e sicurezza, anche dopo un avvio di gara assolutamente non positivo. La Ferraro Lamezia è però avversario da non sottovalutare, in un torneo in cui tutte le compagini possono fare risultato con chiunque: le calabresi, ripescate in estate in terza serie, hanno totalizzato 12 punti e malgrado le due sole vittorie hanno trascinato per ben sei volte le partite al quinto set (tutti persi), come nell’ultima uscita con Sant’Elia. Fra le fila delle lametine due giocatrici che possono vantare campionati di serie A1 e A2 nel curriculum, ovvero le laterali Donà e Ferrara, senza dimenticare la centrale Torcasio. Davanti al proprio pubblico, la Cannone non ha praticamente mai fallito, eccetto per l’esordio contro Casal de’ Pazzi: il calore dei suoi tifosi sarà per le cerignolane l’arma in più per continuare a veleggiare al vertice.

Sabato in campo anche per la Brio Lingerie Pallavolo Cerignola, che nel palazzetto amico riceve (ore 18) l’Appia Project Mesagne in un derby regionale da non fallire. Due cocenti sconfitte subite da Monte San Giusto e Demitri Volley Angels da cui rialzarsi, una iniezione di fiducia da ottenere allo scopo di ripartire verso la salvezza: questi gli obiettivi delle fucsia guidate da Michele Drago, troppo brutte per essere vere anche nella prima apparizione del 2019. Dall’altra parte della rete ci sarà una Mesagne anch’essa affamata di punti: a quota 12 e con sole due lunghezze di margine dalla zona rossa, le brindisine hanno registrato nel complesso un rendimento altalenante nel secondo torneo consecutivo in quarta serie. Il team allenato da Giunta si è aggiudicato il derby contro Noci e farà affidamento su due pedine di indubbio valore ed esperienza per la categoria, le schiacciatrici Cristofaro e Escher. Interessanti fra le messapiche anche l’opposto Liguori e la centrale Carbone. Le ofantine sono ad un bivio: i nuovi innesti Pagano e Loria hanno avuto un’altra settimana per integrarsi nel gruppo e iniziare ad apportare il valore aggiunto richiesto dalla società. Solo col lavoro il periodo complicato sarà uno sbiadito ricordo, abbinando però anche i riscontri dal campo.