Nuova vittoria in zona Cesarini per l’Audace Cerignola: il 2-1 al Bitonto evidenzia ancora una volta il carattere degli ofantini, abili a reagire al pareggio di qualche minuto prima. Bitetto resta fedele al 4-3-3 con la novità Marotta nel trio davanti, Lattanzio in panchina, Nadarevic indisponibile. Schieramento speculare per Pizzulli ed anche in questo caso alcune novità, la principale è Falcone a formare il tridente con Patierno e Turitto. Il Bitonto approccia benissimo la sfida: al 3′ Falcone calcia fuori misura, con Patierno solo a centroarea. Anaclerio al volo su calcio piazzato dalla sinistra, Abagnale compie così la sua prima parata e al 14′ nuova grande opportunità per gli ospiti: da corner, Abagnale respinge su Anaclerio, l’altro centrale Montrone poi non trova la porta. Pian piano il Cerignola prova a prendere in mano le operazioni, purtuttavia senza creare particolari problemi alla difesa neroverde. La migliore occasione proprio in chiusura: Foggia salta Figliola, cross al centro per Longo che viene anticipato alla disperata da Anaclerio. Si va all’intervallo sullo 0-0.

Svolta dell’incontro dopo appena una trentina di secondi della ripresa: Marotta va via a Montanaro che lo atterra in area di rigore: Tchato ci pensa su un paio di secondi, poi assegna il penalty. E’ glaciale Loiodice nella trasformazione, Figliola intuisce il tiro alla sua sinistra ma non ci arriva. Ringalluzziti dal vantaggio, i gialloblu spingono alla ricerca del gol che metta in ghiaccio la contesa, col Bitonto ad accusare ancora il colpo. Dopo l’innocua conclusione del neoentrato Picci ben bloccata da Abagnale, i baresi prendono campo dal momento che l’Audace si mette in attesa per poi ripartire in contropiede. Il subentrato Vitofrancesco sollecita Figliola su calcio da fermo, l’undici di Pizzulli protesta per un atterramento di Patierno non segnalato dal direttore di gara, poi al 77′ Padulano (altro ingresso dalla panchina) calcia violentemente sul primo palo trovando la deviazione di un difensore di casa. Bitetto infoltisce la difesa con Pollidori, all’86’ stavolta è massima punizione anche per il Bitonto: Matere stende Padulano, dagli undici metri Patierno consolida la vetta dei cannonieri spiazzando Abagnale. Sembra finita, invece il Cerignola è ancora abilissimo sulle palle ferme: corner Vitofrancesco, Pollidori stacca imparabilmente ed è di nuovo vantaggio ofantino. Nel recupero concesso non accade granché, anzi sono i padroni di casa a mancare il tris in ripartenza con Lattanzio.

Al triplice fischio è entusiasmo sulle tribune gremite del “Monterisi”, per altri tre punti strappati con grande abnegazione: domenica prossima altro giro altra corsa, con il nuovo confronto a cinque stelle allo “Iacovone” in casa del Taranto, oggi vittorioso a Gragnano.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Audace Cerignola (4-3-3): Abagnale, Russo, Di Cecco (87′ Lattanzio), Allegrini, Matere, Longo (78′ Pollidori), Esposito, Carannante, Marotta (65′ Vitofrancesco), Foggia (90′ Abruzzese), Loiodice. A disposizione: Cappa, Tedone, De Cristofaro. Allenatore: Leonardo Bitetto.

Bitonto (4-3-3): Figliola, Cappellari (81′ Dellino), Anaclerio, Montrone, Montanaro, Biason, Fiorentino (70′ Padulano), Zaccaria (81′ Terrevoli), Falcone (58′ Picci), Patierno, Turitto. A disposizione: Vitucci, D’Angelo, Paradiso, Piarulli, Camporeale. Allenatore: Massimo Pizzulli.

Reti: 48′ Loiodice (rig.), 86′ Patierno (B, rig.), 89′ Pollidori.

Ammoniti: Carannante, Longo, Foggia, Marotta, Loiodice, Abruzzese (AC); Fiorentino, Montrone, Picci, Cappellari (B).

Angoli: 4-3. Fuorigioco: 10-1. Recuperi: 1′ pt, 5′ st.

Arbitro: Tchato (Aprilia). Assistenti: Voytyuk (Ancona)-Besozzi (Sondrio).

CLASSIFICA ALLA VENTESIMA GIORNATA

Az Picerno 44; Audace Cerignola 43; Taranto 39; Team Altamura 35; Fidelis Andria, Savoia 32; Bitonto 30; Fasano 28; Francavilla in Sinni 26; Gelbison, Nardò 25; Nola 24; Gravina 22; Gragnano 21; Sorrento 20; Sarnese 18; Pomigliano 11; Granata Ercolanese 8.