Osservato lo scorso weekend il turno di riposo stabilito dal calendario alla conclusione del girone di andata, le tre formazioni cerignolane dei principali campionati di volley si apprestano a ripartire con la prima giornata della seconda metà di stagione. In casa la Fenice Volley, partite in trasferta per Libera Virtus e Pallavolo Cerignola. Nel girone E della B unica maschile, la Vini Errico ospiterà domenica (ore 18) la Sampress Nova Loreto in un match dall’elevato coefficiente di difficoltà. I marchigiani infatti, mirano al salto di categoria e sono detentori della terza piazza in classifica con 27 punti ed un bilancio di nove vittorie e tre sconfitte. Dal canto proprio, i ragazzi di Pino Tauro sono reduci dalla seconda gioia del torneo, avendo superato 3-0 lo Striketeam Monteluce nello scontro salvezza di quasi due settimane orsono. Tre punti corroboranti che hanno permesso di accorciare le distanza dalla quota salvezza, pur restando all’ultimo posto: una iniezione di fiducia non trascurabile per cercare di centrare l’obiettivo della permanenza. Contro gli umbri si è notato il benefico influsso dell’arrivo del laterale Di Salvo, già protagonista alla prima uscita con la nuova maglia: coach Pino Tauro si è giovato della sosta per recuperare alcuni elementi alle prese con fastidi fisici e presentarsi così al meglio al confronto con la formazione di Giannini. Loreto è andata a segno quattro volte su cinque lontano da casa e conta sulle qualità dei vari Massaccesi, Nobili e Spescha. I rossoneri mobilitano i sostenitori per sfruttare il fattore “Dileo”, un’arma in più al fine di ottenere un risultato positivo con una delle candidate alla promozione.

Nel girone D di B1, seconda trasferta consecutiva per la Cannone Libera Virtus, di scena domani (ore 18.30) a Roma opposta al Volleyrò Casal de’ Pazzi. Sfida certamente non prova di insidie per le ragazze di Marco Breviglieri, perché l’under 18 capitolina che ha fatto incetta di scudetti giovanili negli ultimi anni darà indubbiamente filo da torcere. Le gialloblu sono arrivate al giro di boa del torneo in terza posizione e con 24 punti in cascina, un bilancio provvisorio assolutamente col pollice all’insù e che lascia aperti scenari molto ambiziosi. Il viaggio a Modica si è risolto con uno stop al quinto set nel terzo match consecutivo arrivato fino al tie break: uno degli obiettivi della visita romana è appunto quello di cercare di riuscire a chiudere prima gli incontri. Sulla carta la maggiore esperienza delle virtussine potrebbe avere la meglio, ma il Volleyrò di Pintus (all’ottavo posto con 17 punti) annovera numerose potenziali protagoniste della pallavolo del futuro, prima fra tutte capitan Ghezzi. In più, finora il pala “Andrea Scozzese” non ha regalato soddisfazioni al sodalizio cerignolano, sempre sconfitto nei precedenti. C’è la possibilità che sia il momento per rompere il sortilegio e continuare a correre in zona playoff: Neriotti e compagne devono concedersi pochissime pause per avere la meglio sulle babies azzurre.

Anche la Brio Lingerie Pallavolo Cerignola in programma una gara in campo avverso: domani alle ore 18.30 l’incrocio a Giulianova. Il sestetto allenato da Michele Drago ricomincia la corsa verso la salvezza, interrotta dal ko di Castellana (preventivabile alla vigilia) in cui però qualche segnale positivo si è registrato. La corta distanza dalle avversarie abruzzesi induce ad un certo ottimismo, anche perché le fucsia hanno l’obbligo di sbloccarsi in trasferta -un solo punto racimolato finora- e farlo in uno scontro diretto per la permanenza comporterebbe una spinta notevole per affrontare il resto della stagione. Il team teatino ha tre lunghezze in più sulle ofantine (13 a 10) e proviene da una serie negativa pari a quattro sconfitte. L’ex virtussina Di Carlo proverà a trascinare le sue compagne, mentre dalla sponda Pallavolo Cerignola ci si aspetta il solito sostanzioso contributo da parte di Padua in prima linea e sulla tenuta in difesa del libero Guido. Un match che vale doppio per la Brio Lingerie: le giocatrici ne sono perfettamente consapevoli e in settimana si sono allenate minuziosamente per non tornare ancora una volta a mani vuote.