Audace Cerignola

Seconda trasferta consecutiva per l’Audace Cerignola, che nella quinta giornata di ritorno del girone H di serie D renderà visita domani al Gragnano. E’ imperativo tornare alla vittoria dopo la sconfitta di misura di Taranto per non lasciare scappar via le dirette concorrenti, visto che gli jonici con lo 0-1 a Bitonto sono balzati provvisoriamente in testa e il Picerno ha una gara da recuperare. La battuta d’arresto di misura allo “Iacovone” ha interrotto la serie di quattro affermazioni consecutive partita nell’ultimo impegno del girone d’andata: lo stop di domenica scorsa è stato molto differente rispetto alla scoppola di Picerno; gli ofantini hanno giocato alla pari tenendo bene il campo, incappando però in una grossolana e generale distrazione difensiva che è poi costata molto cara. Nonostante l’ennesimo big match a mani vuote, ciò non pregiudica affatto le possibilità per l’Audace di continuare ad inseguire la serie C: purtuttavia è anche indiscutibile che, adesso, probabilmente i gialloblu hanno esaurito i bonus e dovranno cercare di essere sempre perfetti da qui al termine del torneo.

Nell’ultimo giorno di mercato, il ds Degli Esposti ha piazzato tre operazioni fra gli under, un settore nella fase attuale abbastanza in sofferenza: gli arrivi di Faggioli (dal Pescara), Amabile (dal Foggia) e Ingrosso (dal Cagliari) vanno a puntellare ciascun reparto per assicurare a Bitetto una notevole qualità anche per gli juniores.

Sarà un Cerignola privo di ben tre elementi nella città della pasta: sono stati appiedati dal giudice sportivo per somma di ammonizioni Carannante, Di Cecco e Lattanzio. E’ oggettivamente complicato poter prevedere la formazione per intero, anche in relazione agli ultimi acquisti: uno fra Pollidori e Abruzzese al fianco di Allegrini in difesa, De Cristofaro sembra il sostituto naturale di Carannante, mentre in attacco probabile tridente composto da Marotta-Foggia-Loiodice.

Naviga in zona playout il Gragnano a quota 24 punti (sei vittorie, sei pareggi e nove sconfitte), ma il ritardo dalla parte tranquilla della classifica è così ridotto che non preoccupa al momento. Alla ricerca della quarta salvezza consecutiva, la squadra guidata da Rosario Campana ha perso solo una delle ultime nove partite disputate, due settimane fa proprio in casa col Taranto, ed arriva dall’1-2 esterno rifilato al Pomigliano. Fra i risultati degni di menzione, anche il pareggio a reti inviolate conquistato sul campo del Picerno. Il mercato è stato piuttosto movimentato, fra innesti e partenze: da segnalare gli approdi di Padovano, Qehajaj, Sorriso, il ritorno di Lopetrone. Gli occhi però sono sempre puntati su Amil Gassama, interessantissimo classe ’99 e autore sinora di quattro gol, mentre non sarà del match lo squalificato La Monica.

Nell’unico precedente a Gragnano, il Cerignola si impose 1-3 alla terza giornata dello scorso campionato: reti di Montaldi, Di Bari e Gambino. Calcio d’inizio allo stadio “San Michele” alle ore 14.30, con la direzione arbitrale affidata al sig.Costanza, della sezione di Agrigento.