Ancora una volta, una vittoria oltre il recupero, oltre gli ostacoli: l‘Audace supera 2-3 il Gragnano con un rigore trasformato al 97’, non accusando ulteriori punti di distacco dalle concorrenti. E’ 4-3-3 per Bitetto, che piazza Abagnale fra i pali e l’esperta coppia centrale Allegrini-Abruzzese, i terzini sono Tedone e Matere, con l’esordio dal 1′ di uno dei nuovi acquisti (Amabile) a sostituire Carannante squalificato. Tridente formato giocoforza da Marotta-Foggia-Loiodice. Campana schiera un 3-5-2: Gassama nemmeno in panca, coppia offensiva Qehajaj e Sorriso. Gli ospiti cercano subito di amministrare il gioco: sinistro a giro alto di Marotta al 9′, a seguire sinistro di Longo con Russo a respingere con qualche difficoltà a mani aperte. Spinge il Cerignola: azione sviluppata sulla destra, in area Foggia appoggia per Esposito, il cui mancino termina però largo. Gli ofantini reclamano una prima volta per un rigore non concesso, Abruzzese non fa centro da pochi metri sugli sviluppi di un corner. al 26′ i padroni di casa passano in vantaggio nell’unica sortita offensiva: strepitoso Abagnale sul fendente di Qehajaj, il pallone finisce sul lato sinistro dell’area piccola e viene messo al centro. Cavaliere in qualche modo indirizza verso la porta, sfera che sbatte nella parte inferiore della traversa e, secondo l’assistente, oltrepassa la linea. Veementi proteste ospiti, ma il sig.Costanza di Agrigento è irremovibile. Non ci stanno i cerignolani: Foggia conclude troppo debolmente per impensierire Russo, il nervosismo in campo sale e al 41′ Marotta non fa male all’estremo difensore locale. Ultima occasione per l’Audace al 44′: Longo intercetta un rinvio e per poco non beffa Russo per il pareggio solo sfiorato.

Bastano cinque minuti dopo il rientro dagli spogliatoi per riportarsi in parità: cross dalla destra, Longo di testa impatta con Russo che devia in pratica sul corpo di Foggia lì appostato per l’ottavo centro dell’attaccante. Insistono le “cicogne”, Marotta di nuovo in capocciata, stavolta il portiere del Gragnano blocca sicuro. Al 58′, ribaltone servito: Loiodice prende palla sulla trequarti offensiva, scatta in velocità ed appena dentro l’area fredda in diagonale Russo per la grande gioia del settore ospiti. Parte la girandola dei cambi, Bitetto inserisce De Cristofaro e Virofrancesco e i gialloblu foggiani vanno vicini al tris con l’inzuccata di Foggia sulla quale il portiere si distende e devia fuori dallo specchio. Sulle palle alte gli ofantini hanno uno strapotere indubbio, prima Abruzzese e poi il neoentrato Pollidori (bravo Russo) non riescono a a triplicare. Sembra una gara ormai segnata, nulla di più sbagliato: i pastai pervengono al 2-2 in virtù del tuffo vincente di testa del subentrato Achaval su traversone di Padovano. Il Cerignola sembra chiuso all’angolo nella contesa del campionato e si riversa in avanti alla ricerca del gol risolutore: è sempre Loiodice a farsi minaccioso, ma il destro defilato termina sull’esterno della rete. Ultimi secondi dei cinque minuti di recupero concessi: Foggia si invola in area e viene steso da Chiariello, Costanza decreta la massima punizione ed espelle il numero 5 napoletano. Dal dischetto è precisissimo Loiodice (che arriva in doppia cifra) nonostante le provocazioni e il ritardo nella battuta: sebbene Russo intuisca, rete e contestuale triplice fischio per il successo che consente di ripartire dopo lo stop di Taranto.

All’ultimo respiro, l’Audace non perde contatto dagli jonici e dal Picerno, entrambe vittoriose anche in campo avverso: domenica prossima al “Monterisi” arriva la Sarnese, rinfrancata dall’affermazione ai danni della Gelbison.

GRAGNANO-AUDACE CERIGNOLA 2-3

Gragnano (3-5-2): Russo V., Chiariello, Martone, Ammendola, Padovano, Tascone (80′ Grimaldi), Lopetrone (62′ Follo), Cavaliere, Elefante, Sorriso (69′ Achaval), Qehajaj (62′ Procida). A disposizione: Buono, Fusco, Di Costanzo, Minale, Piscopo. Allenatore: Rosario Campana.

Audace Cerignola (4-3-3): Abagnale, Tedone, Abruzzese, Allegrini, Matere (82′ Russo L.), Esposito, Amabile (61′ De Cristofaro), Longo (78′ Pollidori), Marotta (65′ Vitofrancesco), Foggia, Loiodice. A disposizione: Cappa, Parise, Faggioli, Ingrosso. Allenatore: Leonardo Bitetto.

Reti: 26′ Cavaliere (G), 50′ Foggia, 58′ Loiodice, 84′ Achaval (G), 97′ Loiodice (rig.).

Ammoniti: Russo V., Padovano, Lopetrone, Achaval (G); Amabile, Abruzzese, Marotta (AC). Espulso: Chiariello (G) al 95′ per fallo da ultimo uomo in area di rigore.

Angoli: 1-7. Recuperi: 2′ pt, 5′ st.

Arbitro: Costanza (Agrigento). Assistenti: Landoni (Milano)-Moroni (treviglio).

CLASSIFICA ALLA VENTIDUESIMA GIORNATA

Taranto 48; Az Picerno 47; Audace Cerignola 46; Fidelis Andria 38; Savoia, Team Altamura 36; Bitonto 34; Fasano 31; Francavilla in Sinni 30; Nardò 28; Gravina, Gelbison 26; Gragnano, Nola 24; Sarnese 21; Sorrento 20; Pomigliano 11; Granata Ercolanese 8.