Sos Cerignola, ancora una volta, unisce parrocchie, comunità, centri sociali e scuole. In totale autofinanziamento, la trascorsa festa della pentolaccia, definita ormai il piccolo carnevale cerignolano, ha visto il lavoro incessante di diversi volontari per la realizzazione di carri allegorici, pignatte da rompere e la tradizione del carnevale che viene bruciato, per un successo che va oltre ogni più rosea aspettativa.

«Bambini, adulti ed anziani in un tourbillon di colori, musica e premi per il carro piu originale, il gruppo più attivo e la pignatta più bella – fanno sapere gli organizzatori –. Ma quello che ha stupito di più è la consacrata importanza mediatica acquisita negli anni, che si è concretizzata con visite inaspettate da Salerno, Minervino e Canosa».

«I gruppi – si legge in nota –, nonostante gli intoppi organizzativi dovuti ad una mancante cultura dell’accoglienza, sono stati guidati in visita per la nostra città. E presto torneranno per una passeggiata degnamente organizzata. Sos cerignola – concludono gli organizzatori replicherà il 5 marzo 2019, per una ulteriore festa per i piu piccoli, presso Palazzo delle Culture, al primo piano dell’ex tribunale». 

Questo slideshow richiede JavaScript.