Cannone Libera Virtus Cerignola

Una vittoria di impeto, sostanza e di assoluto valore: la Cannone Libera Virtus piega al quinto set la resistenza della Giòvolley Aprilia al pala “Dileo” nella 19^ giornata della B1 femminile (25-22; 20-25; 25-21; 15-25; 15-12 i parziali). Il big match va alle ofantine quando tutto sembrava perduto, ma una furiosa rimonta nel periodo decisivo obbliga la capolista del girone D alla terza sconfitta stagionale. Coach Breviglieri recupera capitan Martilotti, in coppia con Montenegro in banda; Minervini alzatrice e Mauriello sulla diagonale; Neriotti e Cesario centrali, più Pisano libero. Dall’altra parte Gagliardi schiera: Muzi al palleggio e Borelli opposto; Liguori e Garofalo laterali; Sestini e Cerini sottorete, con Vittorio in difesa. Spunto Aprilia in avvio (0-5), Breviglieri spende già una interruzione ma le ospiti difendono alla grande ed allungano, aiutandosi anche con un pizzico di fortuna (2-9). La Libera Virtus si sblocca e infila tre punti consecutivi, molte però le concessioni gratuite in battuta (6-12): ace Minervini e muro Montenegro (9-12), Cerini dal centro fa scappare nuovamente le laziali (10-15) anche se le padrone di casa tengono bene il campo. Giòvolley sorniona che deve fare i conti tuttavia con Neriotti (14-16): meno uno sul 15-16 ed ancora sul 19-20, primo tempo e muro di Cesario per il pari 20. Errore Liguori, è sorpasso (22-21) e Martilotti perfeziona il break: sempre Cesario per due set pointi, Martilotti stampa le mani a muro per il primo cambio di campo.

Cannone sulle ali dell’entusiasmo e avanti di misura con la carica di Martilotti da posto 4: Liguori risponde ed è 4-4; Cesario fulminea sottorete (6-4), Neriotti mette in difficoltà la ricezione laziale e Gagliardi deve richiamare le sue ragazze sul 9-5. La capolista si scuote e aggancia (due volte Cerini), mettendo la freccia e causando l’interruzione di Breviglieri. Facendola per Mauriello, la neoentrata si presenta subito d’astuzia: la Giòvolley ritrova le sue certezze, le ofantine non mollano e due doppie di Muzi sanciscono il 14-13. E’ sfida punto a punto, Borelli dai nove metri mette a segno il 16-18: locali in leggero affanno in ricezione e svagate, malgrado Montenegro porti il punteggio sul 20-23. Grazie anche all’innesto di Castellucci, Aprilia va in parità nel conto dei set.

Torna Mauriello fra le virtussine, che vanno sull’8-1 con Gagliardi che cambia palleggiatrice (Licata) visti gli errori del suo team. Minervini giostra bene il gioco, Martilotti esegue accompagnata da Montenegro (11-4): due colpi Mauriello e Cerignola doppia le pontine (14-7), caricandosi ulteriormente col muro di Neriotti (17-8). Le ofantine poi peccano in alcune circostanze non imprimendo la giusta forza nelle offensive, Montenegro riallontana le rivali (21-13), tre punti ospiti e in campo Angelelli. Mauriello timbra il 23 e 24 a 17, servono Martilotti e la quinta occasione utile per riportarsi in vantaggio, in una frazione caratterizzata comunque dalla eccellente tenuta della seconda linea locale.

Liguori per il 2-4, Martilotti insegue: ace Borelli e Giòvolley sul 4-7 con le laziali più pimpanti. Montenegro esce per Facendola, le cerignolane non riescono ad offrire la stessa qualità in difesa notata in precedenza (4-11). Di contro, la Giòvolley acquista sempre più fiducia, emergendo in tutti i fondamentali: Breviglieri esaurisce i timeout sul 4-13 perché non vede una reazione della Cannone (anche Giancane e Angelelli in campo). Il parziale scivola via con la capolista a gestire l’ampio scarto, Libera Virtus che ritrova un po’ di smalto ormai tardivo, con qualche scambio sul finale per Palladino in luogo di Martilotti.

Tie break di elevatissimo contenuto agonistico e tecnico: gialloblu che appaiono appena in riserva, mancando talora di lucidità; fast Sestini e ospiti al cambio di campo sul 6-8. Non si può dire non ci provino le atlete di Breviglieri, sbattendo però sul vero e proprio muro eretto da Aprilia che allunga sul 6-10. Si manifesta quindi tutto il cuore virtussino: parità con Montenegro al servizio e Martilotti in prima linea, seguito dal sorpasso (11-10); muro Cerini e controsorpasso pontino, Mauriello irrompe per il 13-12 e mettendo giù anche il match point, presto concretizzato in virtù di un attacco out avversario. Si scatena così l’entusiasmo di un palazzetto colmo in ogni suo posto e che sottolinea l’impresa delle sue beniamine, mai dome e coraggiose anche quando tutto sembrava perduto.

Ora in calendario due trasferte consecutive per la Cannone, attesa sabato dal derby in casa della Pvg Bari, sconfitta ad Arzano: il successo contro la valente battistrada del torneo infonderà carica ed autostima per un obiettivo playoff raggiungibile negli ultimi sette turni di regular season.

Ecco il tabellino della Cannone Libera Virtus Cerignola, con le giocatrici andate a referto ed i relativi punti realizzati:

Minervini 2, Mauriello 14, Martilotti 20, Montenegro 13, Neriotti 5, Cesario 13, Facendola 1, Angelelli 1, Giancane 1, Palladino, Pisano (libero).

CLASSIFICA GIRONE D ALLA DICIANNOVESIMA GIORNATA

Giòvolley Aprilia 37; Cmo Fiamma Torrese 34; Luvo Barattoli Arzano 33; Cannone Libera Virtus Cerignola 29; Crai Radenza Modica 27; Europea 92 Isernia 25; Santa Teresa di Riva 23; Assitec 2000 Sant’Elia 21; Volleyrò Casal de’ Pazzi Roma 20; Ferraro Lamezia 14; Pvg Bari 13; Expert Volley Palmi 12.