Il Cerignola supera 3-1 il Nardò e resta al secondo posto, grazie alle reti di Loiodice e Lattanzio (doppietta), granata sempre impelagati invece in zona playout. Ne cambia tre Bitetto rispetto a Valle della Lucania: dentro Russo, Di Cecco e Marotta al posto di Tedone, Allegrini e Vitofrancesco, nell’ormai consueto 4-4-2. Francesco Bitetto invece sceglie un 3-5-2, con Kyeremateng e Mingiano in prima linea. Il primo lampo è al minuto 10: la conclusione di Lattanzio da posizione decentrata è alta sulla traversa: segue una fase soporifera, con gli ofantini a cercare di fare la partita e gli ospiti a chiudersi con ordine. Colpo di testa di Foggia su cross di Loiodice, più tardi stessa azione a parti invertite ma esito identico, con pallone largo. Alla mezzora l’occasione più evidente: Lattanzio stacca sul traversone dall’out mancino di Ingrosso, Mirarco ha ottimo riflesso e respinge. L’Audace cerca di sfondare di testa, ancora Loiodice in zona gol e ancora una volta mancato il bersaglio grosso. Al 37′, Foggia sul filo del fuorigioco si presenta davanti a Mirarco: il lob è poca cosa e l’estremo difensore salentino blocca facile. Nel finale Loiodice va via in bello stile e centra, a pochi passi dalla linea Foggia non aggancia e spreca una buonissima opportunità. Si va all’intervallo sullo 0-0 con leggera preferenza per i padroni di casa.

In avvio di ripresa, leccesi che sembrano più propositivi: il diagonale di Versienti è sporcato in corner da Abruzzese


in ripiegamento difensivo, Kyeremateng fa sfilare il pallone a lato. Il neoentrato Prinari avanza e calcia dal limite, Abagnale blocca dopo un rimbalzo. Subito dopo però (62′), il Cerignola è in vantaggio: tracciante di Marotta dalla destra, pallone che attraversa tutta l’area e Loiodice da pochi passi nei pressi del secondo palo, appoggia comodamente in fondo al sacco (il fantasista fa tredici nella classifica cannonieri). Il Nardò replica con la testata fuori misura di Centonze, al 76′ c’è il raddoppio ofantino. E’ balisticamente straordinaria l’esecuzione al volo di Lattanzio su pallone rinviato da Russo: la botta non lascia davvero scampo a Mirarco. Kyeremateng salta due avversari nello stretto e prova a superare Abagnale sul primo palo, respinta coi piedi del numero uno gialloblu, imitato dall’altra parte da Mirarco su Foggia. All’interno della girandola dei cambi, ancora Abagnale si distende e mette in corner un tiro di Monopoli, poi gli ospiti restano in dieci per il rosso diretto sventolato a Gigante. Il tris è servito all’86’: Longo ispira nuovamente Lattanzio, colpo di testa ad incrociare e Mirarco è preso in contropiede per il sedicesimo centro in campionato. Il gol della bandiera neretina è firmato dal dischetto da Molinari, per un rigore concesso in una mischia in area locale. A pochi istanti dal triplice fischio, Loiodice spara alle stelle solo davanti a Mirarco su suggerimento di Vitofrancesco.

Audace che mantiene la piazza d’onore e ora proiettata al turno infrasettimanale di giovedì, quando si renderà visita al già retrocesso Granata.

AUDACE CERIGNOLA-NARDO’ 3-1

Audace Cerignola (4-4-2): Abagnale, Russo (79′ Tedone), Abruzzese, Di Cecco, Ingrosso (84′ Cascione), Marotta (77′ Vitofrancesco), Longo (87′ Carannante), Amabile, Loiodice, Lattanzio (87′ Faggioli), Foggia. A disposizione: Cappa, Matere, De Cristofaro, Allegrini. Allenatore: Leonardo Bitetto.

Nardò (3-5-2): Mirarco, Giglio, Cassano (67′ Monopoli), Centonze, De Pascalis, Gigante, Bolognese, Arario (60′ Prinari), Versienti, Mingiano (77′ Molinari), Kyeremateng. A disposizione: Rizzitano, Scipioni, Sene, Frisenda, Lezzi, De Luca. Allenatore: Francesco Bitetto.

Reti: 62′ Loiodice, 76′ e 86′ Lattanzio, 89′ Molinari (N, rig.)

Ammoniti: Lattanzio, Ingrosso (AC); Centonze (N). Espulso: Gigante (N) all’83’.

Angoli: 6-4. Fuorigioco: 1-2. Recuperi: 0′ pt, 4′ st..

Arbitro: Cherchi (Carbonia). Assistenti: Gatti (Gallarate)-Maldini (Parma).