Le questioni che riguardano il mercato settimanale e le attività produttive continuano a tenere banco in seno alla maggioranza di Franco Metta. «Richieste scritte di incontro, seguite da telefonate, dove si chiede espressamente la mia non presenza, segno di incapacità e debolezza – dice a muso duro il delegato al commercio Vincenzo Erinnio -. In questi giochi entrano membri di maggioranza, che si accomodano al tavolo, senza sapere nemmeno di cosa si stia discutendo». Un riferimento più o meno velato al dialogo attivo, da alcune settimane tra il gruppo civico di maggioranza afferente a Leonardo Paparella e l’attuale consigliere d’opposizione (?)  indipendente Vincenzo Specchio, che è stato delegato al commercio nei mesi scorsi.

«Se i soggetti che hanno chiesto questo incontro – che Erinnio non nomina esplicitamente -, non sono stati capaci di confrontarsi con me, in incontri precedenti, per la loro incompetenza in materia, non è colpa mia. Una persona può non esser presente fisicamente, ma può esserlo ugualmente per vie alternative, soprattutto se della materia. Conosco tutto dalla prima all’ultima parola di questo incontro. Devo ammettere che mi sono fatto molte risate. Mi sembrava di assistere ad un programma comico, più che ad un incontro tra sindacati. Di inesattezze ne sono state dette molte. Sapendo di non poter contare sulla forza dei numeri, hanno pensato bene di affidarsi agli indipendenti, e di coinvolgere anche qualche consigliere di maggioranza, che dimentica facilmente il suo ruolo. Ai giochetti di questo genere, io non ci sto – fa sapere il consigliere cicognino -, e mi auguro che a questo punto ognuno si assuma le proprie responsabilità».

I dialoghi sono dunque fitti in maggioranza e non solo, soprattutto in vista del bilancio. Erinnio pretende chiarezza e non le manda a dire. «Invece di elemosinare al Sindaco pietà, studiate per confrontarvi con chi ne sa più di voi. So benissimo che siete sempre stati abituati così, ma questa volta, avete toppato alla grande. I risultati si ottengono sul campo, non attraverso accordi e accordini sottobanco».

Sarà a questo punto importante comprendere il comportamento dei consiglieri d’opposizione alla votazione del bilancio. Già nei giorni scorsi da Federazione Civica, per alcune settimane silente, si è manifestato un “nuovo” sostegno all’amministrazione di Metta. Potrebbe avere nuovamente l’ok il bilancio venerdì prossimo, proprio mentre la commissione d’accesso prefettizia continua ad indagare sull’operato della civica amministrazione.