Travolgente Audace Cerignola: il 5-1 al Taranto regala la vittoria dei playoff del girone H di serie D: partita senza storia al “Monterisi”, se questa doveva essere la prova generale per la serie C, i gialloblu sono già pronti. Bitetto conferma lo scacchiere tattico delle ultime esibizioni, confermando in blocco gli undici contro il Savoia. E’ 3-5-2 anche per Panarelli, che lascia in panca Favetta e schiera il tandem D’Agostino-Croce, mentre Di Senso rileva l’infortunato Oggiano. Ritmi già sostenuti fin dall’inizio, data l’alta posta in palio: è il Cerignola a rompere gli indugi al 10′ sfiorando la rete in maniera tangibile. Loiodice pesca in area Longo, la cui girata va a pizzicare la parte superiore della traversa. Al 12′ invece è superlativo Antonino, nel togliere dalla porta l’inzuccata precisa di Longo, servito ancora una volta da un Loiodice in forma smagliante. Il Taranto si fa vedere con la soluzione acrobatica alta di Croce, Lattanzio prova a pescare il jolly dai venti metri, pallone di un soffio a lato. Segue una fase del match più compassata, ma è sempre l’Audace a fare la partita: così, al 34′, si smuove il punteggio. Azione rapida sulla sinistra degli ofantini, tracciante secco di Lattanzio che Antonino devia lateralmente e pronto il tap in dall’altra parte Russo, al primo gol stagionale. Finale con la reazione dei rossoblu: dalla destra il traversone per Croce non è concretizzato dall’attaccante, al 43′ Abagnale concede il corner sulla battuta dalla distanza di Lanzolla. E’ 1-0 al riposo, risultato giusto per quanto offerto dalle due squadre nella frazione inaugurale.

Panarelli mischia le carte poco dopo l’avvio della ripresa: dentro Favetta e Bonavolontà col passaggio al 3-4-1-2. L’Audace però quando accelera è letale: minuto 55, splendido assolo di Loiodice sulla sinistra, saltati in due, entra in area e triangola con Longo, depositando alle spalle di Antonino col sinistro. Al 63′ è allontanato per proteste il tecnico jonico Panarelli, un giro di lancette più tardi ed è tris: ancora uno straordinario Loiodice serve Foggia, il quale manda al bar due avversari e mette il pallone laddove il portiere non può arrivare. Il Taranto, più di pancia che di testa, accorcia al 66′: Favetta fa sponda per D’Agostino, mancino in controbalzo e Abagnale è battuto. Il dominio prosegue con Ingrosso a lavorare un bell’assist per Foggia, incapace di inquadrare lo specchio. Apoteosi al 74′: il duo Longo-Loiodice replica per la platea cerignolana, il numero 10 entra come una lama nel burro nella retroguardia ospite firmando il poker. Conclusione strozzata di Croce su invito di Favetta, poi la girandola dei cambi: standing ovation in particolare per Loiodice e nel recupero per Abruzzese, che lascia il calcio giocato. Nel mezzo, il marcatore che non ti aspetti: Luca Russo (87′) soffia il possesso al diretto controllore e mette dentro la doppietta personale di giustezza. Ultima annotazione la parata di Abagnale di Di Senso, poi lo stadio di via Napoli tributa tutta la propria gioia e l’immenso affetto alla truppa di Bitetto, autore della seconda missione playoff consecutiva dopo Cava de’ Tirreni.

Ora, sarà un mese e mezzo di attesa per conoscere se per gli ofantini sarà serie C: in graduatoria, relativa alla sola serie D, il Cerignola è al secondo posto (Il primato del Matelica andrà confermato con la vittoria dei playoff del girone F). Sarebbe il premio ideale per gli sforzi profusi dal presidente Grieco e dalla società.

AUDACE CERIGNOLA-TARANTO 5-1

Audace Cerignola (3-5-2): Abagnale, Cascione, Abruzzese (91′ Carannante), Allegrini, Russo, Longo (83′ Vitofrancesco), Di Cecco (75′ Esposito), Loiodice (84′ Pollidori), Ingrosso, Lattanzio, Foggia (80′ Marotta). A disposizione: Cappa, Tedone, De Cristofaro, Amabile. Allenatore: Leonardo Bitetto.

Taranto (3-5-2): Antonino, Pelliccia (52′ Bonavolontà), Lanzolla, Di Bari, Ferrara (78′ Guadagno), Di Senso, Massimo (52′ Favetta), Manzo, Carullo (68′ Salatino), D’Agostino, Croce (83′ Roberti). A disposizione: Martinese, Marsili, Bova, Menna. Allenatore: Luigi Panarelli.

Reti: 34′ Russo, 55′ Loiodice, 64′ Foggia, 66′ D’Agostino (T), 74′ Loiodice, 87′ Russo.

Ammoniti: Lattanzio (AC); Massimo, Di Bari, Manzo (T).

Angoli: 3-4. Fuorigioco: 1-1. Recuperi: 1′ pt, 5′ st.

Arbitro: Giaccaglia (Jesi). Assistenti: Moroni (Treviglio)-Fele (Nuoro).