Palazzo di città

367 accessi, 336 curricula elaboratori, 22 bilanci di competenza avviati, 9 candidati inseriti lavorativamente. Sono le cifre più importanti dello Sportello di Orientamento al Lavoro dell’Ambito territoriale di Cerignola in otto mesi di attività. Attivo dall’ottobre 2018, il servizio si propone di sviluppare azioni concrete sul territorio per favorire l’inserimento lavorativo fornendo accoglienza, informazione, consulenza, accompagnamento nella ricerca di lavoro, sostegno nella realizzazione di un percorso personalizzato. E’ completamente gratuito sia per gli utenti che per gli eventuali datori di lavoro. Il rapporto di monitoraggio al 31 maggio 2019 ha consentito di svolgere un’analisi quantitativa dei dati relativi agli utenti ma anche un momento di riflessione da parte degli operatori sulla loro esperienza, su eventuali criticità e prospettive future.

I dati dicono che l’afflusso allo sportello è aumentato costantemente. Gran parte dell’utenza registrata ha la licenza media (circa il 60%). I settori lavorativi più richiesti sono quelli a bassa qualificazione. Sono stati 367 gli accessi, 336 i curricula vitae elaborati, la ricerca attiva di lavoro ha riguardato 353 utenti. Per ciò che concerne i bilanci di competenza – ovvero il bilancio delle esperienze formative, professionali e sociali, che consente di progettare un piano di sviluppo professionale individuale- sono stati 22 quelli avviati, 10 quelli terminati, 4 sono in corso.

I destinatari della attività hanno riguardato un po’ tutte le fasce sociali e i livelli di istruzione, e quindi:

  • Giovani con licenza media/obbligo formativo che hanno esperienze di lavoro ma che non hanno sviluppato capacità comunicative, poca consapevolezza e scarse competenze trasversali
  • Uomini adulti (italiani e stranieri(, che hanno perso il lavoro, basso livello scolastico, basso livello sociale, hanno necessità di ricollocarsi nel mondo del lavoro
  • Donne adulte (italiane e straniere), basso livello scolastico, basso livello sociale, nessuna esperienza di lavoro, nessuna competenza tecnica, hanno necessità di collocarsi nel mondo del lavoro.
  • Giovani neo diplomati/neo laureati, poche o nessuna esperienza di lavoro
  • Laureati e diplomati con diverse esperienze e competenze specifiche, con poca conoscenza del mercato del lavoro e della ricerca attiva di lavoro
  • Lavoratori che vogliono cambiare professione o migliorare la propria posizione professionale.

Varie aziende contattate per la presentazione dei servizi al lavoro hanno proposte le candidature per la ricerca di personale e/o tirocinanti. Ad oggi il servizio ha attenzionato alle aziende n.53 candidati, di questi 34 hanno partecipato ai primi colloqui, 9 candidati sono stati inseriti lavorativamente. 236 i destinatari di Red presi in carico dai servizi per il lavoro. Per ciò che concerne i servizi in attivazione, si elencano: incontri di orientamento al lavoro, laboratori, seminari e incontri con aziende e associazioni di categoria datoriali, rafforzamento delle competenze, potenziamento dell’incontro domanda e offerta di lavoro, laboratori delle idee per coloro che hanno idee imprenditoriali di autoimpiego, servizi ai datori di lavoro. Un primo grande momento di confronto è stato organizzato gli scorsi 29 e 30 aprile, dal titolo #incontrailtuofuturo.

“I numeri dei primi otto mesi di attività ci soddisfano ampiamente e ci confortano delle bontà dell’iniziativa, unica nel suo genere sul territorio,” commenta il presidente dell’Ambito territoriale di Cerignola, Rino Pezzano. “I Comuni non sono datori di lavoro ma è loro dovere fornire gli strumenti affinché i cittadini siano accompagnati nella ricerca di una prima ovvero nuova opportunità di vita. Continuiamo sulla strada intrapresa, potenziando i servizi risultati utili per l’incontro domanda/offerta di lavoro e facendo tesoro delle criticità. Su questo fronte continueremo a tenere alta l’attenzione”. Tutte le info e gli aggiornamenti su www.cerignolaambitolavoro.it