Sabato 22 Giugno, alle ore 19:00, presso la “Cioccolateria Bramo” di Cerignola la prof.ssa Bianca Tragni presenterà il suo libro “Anna Ximenes-Storie d’amore e di rivoluzione” “Edizioni di Pagina”. Un evento culturale che rientra nella nona edizione del “Maggio dei Libri”, la campagna nazionale di promozione della letteratura organizzata dal Centro per il Libro e la Letteratura in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e il Ministero dell’Istruzione, patrocinata dall’Assessorato alla Cultura, Teatro e Pubblica Istruzione del Comune di Cerignola con la Biblioteca Centro Informa.

“Il 22 Giugno a Cerignola avremo l’onore di ospitare la giornalista, scrittrice e professoressa di Storia e Filosofia Bianca Tragnioperatrice culturale di Puglia, la sua Regione, cui ha dedicato numerosi studi, ricerche, inchieste e pubblicazioni – dichiara la dott.ssa Debora Di Nauta, Assessore alla Cultura, Teatro e Pubblica Istruzione del Comune di Cerignola – Alla dott.ssa Bianca Tragni – Dirigente Scolastica del Liceo Scientifico Statale “Federico II”, Presidente del Club Federiciano di Altamura, conferenziera e responsabile del settore Cultura e Tradizioni Popolari del CRATE, Centro Regionale di assistenza e tutela Emigranti di Puglia nel Mondo – le sono stati assegnati i premi giornalistici Sasso di Castalda (1976), Leader d’Opinione (1980), Città di Gallipoli (1980), Nonino Risit d’Aur (1982), Murgia Dibenedetto-Loizzo (1983), Motula (1992), Antigone (1995), Mandurion (1998), “Cesare Pavese – Il vino nella letteratura” (2005) – Premio Altamura città del pane DOC (2007) e, nel 1989, è stata insignita dal Presidente della Repubblica Italiana della Medaglia d’oro per i benemeriti della cultura e dell’arte.

Presso la Cioccolateria Bramo presenterà il romanzo “Anna Ximenes – Storie d’amore e di rivoluzione” in un momento culturale di elevatissimo spessore moderato dalla dott.ssa Maria Vasciaveo, Presidente della Pro Loco Cerignola. L’affascinante romanzo ambientato nel 1799 che parla della rivoluzione nelle contrade de Sud, nei paesi della Puglia, in particolar modo nella sua Altamura, dove uomini e donne cedettero di poter vivere nella libertà di pensiero, di parola, di movimento, di governo e, contestualmente, amarsi contro le vecchie convenzioni sociali e classiste. Conclude l’Assessore alla Cultura – Ritengo che questi siano momenti da non perdere, da vivere intensamente per scoprire mondi diversi nell’affascinante racconto di coloro che li hanno vissuti scrivendoli, raccontandoli perché siano conosciuti nella loro passione”.

 

Area degli allegati