Reso noto il nome della prima azienda che è stata raggiunta da una delle due interdittive antimafia: si tratta della Mondoservice, la multiservizi alla quale era affidata la cura del verde pubblico, vigilanza e custodia della Villa comunale e degli altri parchi, oltre al servizio di affissione.

A diffondere il nome è proprio il Sindaco di Cerignola Franco Metta che nella mattinata di oggi, 5 luglio, ha ricevuto a Palazzo di Città i dipendenti della cooperativa. «E’ successo che due giorni fa, inaspettatamente, la Prefettura ci ha comunicato che la Mondoservice è stata destinataria di una interdittiva antimafia – ha comunicato il primo cittadino ai dipendenti -. Significa che la Prefettura secondo dei criteri, che sono criteri di ordine assolutamente discrezionale, ha emesso un decreto nel quale dice che la cooperativa Mondoservice non ha le qualità per poter svolgere attività con la pubblica amministrazione. Adesso a seguito di questa interdittiva noi non abbiamo scelta. Per legge dobbiamo interrompere i rapporti tra la pubblica amministrazione e la Mondoservice. Questa non è una decisione che io posso non adottare. Sono obbligato a farlo».

Franco Metta è ritornato anche sul bando con il quale la cooperativa cerignolana vinse la gara pubblica per svolgere i propri servizi. «La Mondoservice, cooperativa di tipo B, partecipò un’anno e mezzo fa ad una regolarissima gara d’appalto – ha proseguito Metta -. Prima di stipulare il contratto richiese alla Prefettura il certificato Antimafia. Nel dicembre 2017 la Prefettura rilasciò tale certificato e la cooperativa regolarmente ha cominciato a sxcolgere il proprio lavoro. In questo anno e mezzo se c’è stata una società che ha dato sempre grande soddisfazione all’amministrazione, è stata Mondoservice. Se c’è stato un servizio per il quale abbiamo avuto grande apprezzamento è stata quello svolto da Mondoservice. Per me tale attività è stato motivo di particolare orgoglio. Perché tutti fanno chiacchiere sul recupero sociale e il reinserimento, noi abbiamo fatto i fatti. Il comportamento di tutti i dipendenti è stato il comportamento che ogni persona per bene auspica di vedere intorno a sé. Desidero per questo darvi atto» ha rimarcato il Sindaco.

«Ieri ho dato inizio alle pratiche per risolvere i contratti con la Mondoservice – ha detto in conclusione -. E ho dato due indicazioni che sono state condivise con il vice Sindaco e gli assessori: i servizi non si interrompono nemmeno per un’ora, non si deve perdere neppure un posto di lavoro». Quindi vi sarà un «subentro» di altre società alle quali saranno affidati i medesimi servizi, che si faranno carico di integrare al proprio interno i lavoratori che quindi proseguiranno il proprio lavoro. «Quello che interessa a me è che sia garantita la continuità del servizio e dei livelli occupazionali».