Nel riepilogo della seduta di oggi della FIGC mancava il punto, ma nel comunicato ufficiale della FIGC (il n.38/A) si ratifica invece la decisione. Ossia, «delibera a ratifica del CU n. 37/A del 25 Luglio 2019, di respingere la domanda di integrazione dell’organico al Campionato di Serie C 2019/2020 proposta dalla Società Audace Cerignola S.r.l.».

Con la precisazione doverosa che «il presente provvedimento è impugnabile, innanzi alla Sezione del Collegio di Garanzia dello Sport sulle controversie in tema di ammissione ed esclusione dalle competizioni professionistiche presso il CONI, nei termini e con le modalità previste dall’apposito Regolamento, emanato con deliberazione del Consiglio Nazionale del CONI n. 1629 del 26 febbraio 2019, pubblicato sul sito del Coni e costituente l’allegato A al Regolamento di Organizzazione e funzionamento del Collegio di Garanzia dello Sport».

Ora, tutti gli occhi e le attese sono rivolte a venerdì 2 agosto, quando il Collegio di Garanzia del Coni si esprimerà sul secondo ricorso presentato dai dauni. La ratifica non cambia di una virgola la situazione del sodalizio ofantino, che farà valere tutte le sue ragioni fra tre giorni.