nero di troia

Un festival tutto dedicato al Nero di Troia e alla valorizzazione del vitigno autoctono della puglia centro settentrionale. L’idea è di Puglia Wine Experience, gruppo cerignolano impegnato nella promozione della cultura del vino e dell’enogastronomia, che ha mutato pelle alla storica manifestazione Calici nel Borgo Antico. Da Calici ad un festival del Nero di Troia per valorizzare non solo un vitigno ma anche una parte consistente della puglia enologica, un territorio vocato alla produzione di vino e all’economia della terra. Dopo il rinvio a causa dei danni da maltempo, l’edizione 2019 potrà andare in scena nella serata di sabato.

«Il Nero di Troia è un vitigno che trova nel centro-nord della Puglia la sua massima espressione – commenta Roberta Marino, presidente dell’associazione organizzatrice dell’evento -. Per questo abbiamo già da tempo sposato il progetto di promuovere questa tipologia di vino, nelle sue varie forme, e di farlo attraverso un evento dedicato che apre i confini cittadini ad un’area geografica che copre le province di Foggia e BAT. L’innata vocazione agricola della Città di Cerignola, che peraltro esprime realtà vitivinicole importanti e di sicure prospettive, ci spinge a considerare Cerignola come sede ideale per un appuntamento rivolto al Nero di Troia». Appuntamento dunque al 14 settembre, porte aperte a partire dalle 19,00, nei giardini dello storico Istituto Agrario “G. Pavoncelli” di Cerignola. Tra i partner di quest’anno figurano la Regione Puglia, la Provincia di Foggia, il Gal Tavoliere e l’Onav di Foggia: proprio questi ultimi coordineranno il servizio ai banchi d’assaggio.

«Cambia ancora la manifestazione vocandosi totalmente al Nero di Troia. Torniamo all’Agrario, luogo simbolo della cultura e della civiltà contadina di questo territorio, ma soprattutto della sua vocazione agricola. Un grazie di cuore – conclude Marino – a tutti i partner dell’evento e agli sponsor che ci sostengono convintamente». Accento marcato sempre sui temi ambientali: dalla collaborazione con Ambientiamo Cerignola alla scelta di connotare l’evento come Plastic Free. In più esposizione degli Orti Urbani della Scuola Agraria: l’occasione per conoscere un altro importante angolo dello storico istituto.

Format invariato rispetto alle edizioni precedenti: l’ingresso è libero, la degustazione è subordinata all’acquisto di un kit degustazione composto tracollina, calice, 5 ticket degustazione vino, 1 ticket degustazione olio EVO “Semplicemente PURO”, 1 ticket degustazione “La cucina dell’Enogastronomico”, 1 ticket gadget “Generali” Main Sponsor dell’evento.

PROGRAMMA Banchi e stand di degustazione saranno attivi già subito dopo il taglio del nastro alle 19.30, così come i punti food: dal sushi al panino, dalla pasta alla carne fino al pesce. Per il comparto cibo ai banchi i partner saranno: Il Gatto Nero, Aures Group, Panificio Carducci, Il Lascito del bue, La Cucina dell’Enogastronomico, Caffè Plaza, Sayuri, Semplicemente Puro Olio EVO. Il viale principale della Scuola Agraria ospiterà una mostra fotografica dedicata alla “Regia Scuola pratica di agricoltura”, antico nome dell’istituto scolastico a cura di Roberto Michelucci della Tipografia CIEMME e Puglia Wine Experience. Le stesse fotografie, in versione originale, saranno proiettate nell’area posteriore dell’edificio.

Si rinnova la collaborazione con L’Albero dei fichi – Libreria per bambini e ragazzi, che curerà “Il Giardino dei Piccoli”; dalle 19.30 Cicciofolk One Man Show, ore 21.00 Spettacolo di burattini a cura del Teatro del Pollaio – Compagnia dell’Accade. All’interno dell’area dedicata ai bambini ospiteremo “Cave Leone – Associazione Canosa Sotterranea” di Canosa di Puglia, che presenterà i percorsi organizzati per bambini tra natura, tradizione, arte e archeologia. L’associazione, con il supporto di esperti dell’educazione, propone ai genitori e alle scuole visite guidate per i più piccoli per favorire la conoscenza del territorio e delle tradizioni che lo arricchiscono.

Particolarmente interessante la cosiddetta “vendemmia emozionale”: vendemmiare giocando o giocare vendemmiando. Una attività per bambini finalizzata a creare un legame empatico e rispettoso con la natura e a conoscere i grappoli dell’antichissimo vitigno autoctono Nero di Troia “canosino”, ad acino piccolo, recentemente oggetto di studi scientifici che hanno rilevato alte concentrazioni di antiossidanti e, pertanto, qualità salutistiche utili a curare e prevenire alcune malattie. Musica e altre sorprese completeranno la ricca offerta di quest’anno.

VINI IN DEGUSTAZIONE Numerosi i partner vino che proporranno in degustazione i propri prodotti. Oltre 30 banchi d’assaggio dedicati al Nero di Troia e un grande banco comune per “gli altri autoctoni di Puglia”. Eccellenze del territorio da poter gustare, in un percorso emozionale che attraversa il nord barese, il sub-appennino dauno, il Tavoliere fino al tacco d’Italia.

Nel giardino “Nero di Troia” saranno in degustazione i vini delle aziende: Giancarlo Ceci (Andria), Placido Volpone (Ordona), Cantine Paradiso (Cerignola), Antica Enotria (Cerignola), Domus Hortae (Orta Nova), Colli Sereni (Andria), Cantine Losito (Foggia); mentre in quello “Nero di Troia e altri autoctoni” vi saranno Ciatò (Castelluccio dei Sauri), Masseria nel Sole (Lucera), Podere 29 (Cerignola), Cantine Risveglio (Brindisi).

Nell’Area Nero di Troia (ingresso via Tiro a Segno) in degustazione Dasti Wine (Cerignola), Casa Vinicola Errico (Cerignola), 60 passi (Orta Nova), Cantine Spelonga (Stornara), Casaltrinità (Trinitapoli), Cantina Apulia (Stornara), Vinicola Mastricci (Cerignola), Tenute Di Donna (Foggia), Colle Petrito (Minervino Murge), Cantine Diomede (Canosa di Puglia), Elda Cantine (Troia), Vini Fieramosca 1950 (Barletta), Contrada Quarto (Cerignola), Casa Primis (Stornarella), Vinicola Manzulli – Terra Secca (Cerignola), Agricola Mazzone (Ruvo di Puglia), Caiaffa Vini Biologici (Cerignola), Michele Biancardi (Cerignola), Borgo Turrito (Cerignola), Cantine Pirro (Troia), Cooperativa DECANTO (Troia).

INGRESSI E PARCHEGGI Attive 3 casse/info-point. Da corso Scuola Agraria la Cassa GENERALI (Giardino “Nero di Troia”) e la Cassa MOBILIFICIO ITALIA (Giardino “altri autoctoni di Puglia”); da via Tiro a Segno la Cassa CASTELLANO GRUPPO ALIMENTARE (attiva anche come punto accrediti). Per l’ingresso da Corso Scuola Agraria l’area parcheggio consigliata è lo spazio antistante il Maxi GM; per l’ingresso da Via Tiro a Segno invece c’è il parcheggio Bowling (interno ed esterno). Invitiamo tuttavia coloro che possono a raggiungere la Scuola Agraria a piedi: anche questa è una scelta green.