mercoledì, 26 Febbraio - 08:58
pub_728_90
Sportweb

Stefano Fratepietro da Cerignola a “Le Iene” su Italia1

i più letti

Un video con alcune indicazioni per prevenire il contagio da Coronavirus

Poche semplici indicazioni pratiche sono state fornite attraverso un video su Facebook dal dottor Gianni Ruocco della Farmacia del...

Cerignola, sequestrati 64mila litri di gasolio di contrabbando e denunciate dieci persone

Nei giorni scorsi, militari della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Foggia hanno condotto due distinte operazioni di...

Coronavirus, obbligo di segnalazione per chi rientra in Puglia dal Nord

Per fronteggiare l’emergenza Coronavirus, la Regione Puglia invita «tutti i cittadini che rientrano in Puglia provenienti dal Piemonte, Lombardia,...
Daniela Giordano
Direttore Responsabile, giornalista pubblicista.

Centinaia di migliaia di visualizzazioni e oltre 18 mila condivisioni sul social network Facebook per non parlare del picco di share registrato dall’ultima puntata del programma televisivo Le Iene, in onda domenica scorsa su Italia1. Ad attirare l’attenzione di dodici milioni di telespettatori, un servizio firmato Matteo Viviani dal titolo “E se ti spiassero dal tuo cellulare?”.

La “iena” toscana ha colpito ancora proponendo, nella seguita trasmissione televisiva, un video che dimostra quanto sia facile essere spiati attraverso il proprio smartphone.

Protagonisti del servizio il cerignolano Stefano Fratepietro, titolare della Tesla Consulting, azienda bolognese che si occupa di sicurezza informatica, ed il suo braccio destro Massimiliano Dal Cero (CLICCA QUI PER IL VIDEO DELLA PUNTATA).

Attraverso la creazione di un particolare software, i due esperti informatici, hanno dimostrato come sia possibile accedere a tutta una serie di dati sensibili e non di un qualsiasi cellulare di ultima generazione. Rubrica telefonica, conversazioni whatsapp, facebook, twitter, messaggi di testo, video e immagini: tutto controllato, captato e registrato, come nei migliori film di spionaggio d’oltreoceano.

A lasciare impietriti è la semplicità dell’operazione effettuata attraverso il software messo a punto da Massimiliano Dal Cero e abilmente spiegato dal nostro concittadino.

Esperti informatici per Le Iene da tre anni Abbiamo raggiunto Stefano Fratepietro, per capire come si è arrivati ad ideare e realizzare il servizio mandato in onda dal programma Mediaset.

«La collaborazione con il programma televisivo Le Iene è nata circa tre anni fa – spiega Stefano Fratepietro – quando, sempre Matteo Viviani, ha realizzato un servizio su come recuperare dati di vecchi proprietari da telefoni usati. Le esigenze dell’autore Riccardo Spagnoli hanno trovato risposta nel lavoro della Tesla Consulting; è piaciuto il nostro approccio umile e da allora contiamo cinque interventi in diversi lavori mandati in onda. La nostra idea è quella di raccontare al pubblico non prettamente esperto di sicurezza informatica concetti complessi.

Nello specifico, il servizio proposto nell’ultima puntata del programma televisivo – racconta Fratepietro – è nato in seguito al caso Hacking Team, società italiana che lavora con privati ma anche con strutture governative, violata a livello informatico qualche mese fa. Abbiamo informato l’autore Spagnoli del grave attacco e da lì è nata l’idea di dimostrare che il nostro smartphone non è solo un telefono ma potenzialmente uno strumento di spionaggio e che i nostri dati, nelle mani sbagliate, potrebbero crearci non pochi problemi».

Le collaborazioni di Tesla Consulting Il lavoro svolto dalla Tesla di Stefano Fratepietro, a prescindere dal servizio offerto al programma, mira a creare una quantità di servizi di sicurezza informatica che prima non esistevano nel nostro Paese. L’azienda bolognese vanta collaborazioni con una serie di aziende quali Unicredit, Enel, Datalogic ma anche con il Comando generale dei Carabinieri e con il Cnaipic, Cento nazionale informatico per la protezione delle infrastrutture critiche.

«La Tesla Consulting coopera con diversi privati e pubblici ed organizza una serie di corsi di formazione per agenti di fascia anticrimine sia a livello nazionale che internazionale – racconta l’informatico cerignolano – ma da qualche tempo abbiamo scelto di non accettare incarichi dalla Procura della Repubblica perché ancora oggi questi funzionano per vacazione ovvero prestazioni tecniche a cui vengono corrisposti importi ridicoli e sempre tagliati. Parliamo di otto euro l’ora per un massimo di quattro ore al giorno di lavoro consentite. Purtroppo non si riesce a comprendere il valore di professionisti di esperienza ed anche per questo ci troviamo di fronte ad un netto calo della qualità delle indagini informatiche. La mia azienda è nata scegliendo un approccio più logico e sensato e con l’idea di colmare un vuoto nel campo della sicurezza informatica in Italia. Noi guardiamo alla sicurezza non più come ad un prodotto ma come ad un processo, un insieme di elementi che devono funzionare insieme. Eroghiamo servizi di cyber security, digital forensics, open source intelligence».

Ossessione social La quantità di persone interessate all’argomento del servizio da migliaia di click, ha evidenziato una certa tendenza sociale orientata al controllo, anche solo virtuale, delle persone. Tendenza che sembra essere figlia di un uso massiccio e incontrollato dei social network e dei media.

Nei giorni successivi la messa in onda del servizio de Le Iene, la casella messaggi di Stefano è stata inondata da richieste più o meno esilaranti di persone interessate a controllare telefonate, chat e messaggistica dei partner o della comitiva di amici.

«In Italia si sta sviluppando un fenomeno che vede le persone quasi ossessionate dalla necessità di spiare e dalla paura di essere spiate – spiega Stefano Fratepietro – ; i messaggi che sono arrivati a me e al mio collaboratore sono la dimostrazione che il problema è prettamente culturale, basta guardare le statistiche nazionali sui trend sociali. La società si è evoluta in questa maniera ed il rischio è quello di non saper più uscire da questo tunnel. Non parlo solo delle nuove generazioni ma anche di quelle precedenti, trascinate a loro volta. Ci vorrebbe – consiglia Fratepietro – un intervento fin dalle scuole, da inserire negli argomenti di educazione civica. E’ capitato di aver incontrato scolaresche per delle azioni mirate alla conoscenza della sicurezza informatica, alla consapevolezza dell’uso dei mezzi tecnologici ma purtroppo sono interventi volti a risolvere delle problematiche fin troppo specifiche. Ben diverso invece il mio apporto alla Facoltà di Ingegneria della Unimore che eroga master di digital forensics e cyber security per la Stelmilit, la scuola di telecomunicazioni militare di Chiavari».

Regole di sicurezza informatica Il consiglio dell’esperto informatico di Cerignola è quello di allontanare l’ossessione del controllo di chi ci è accanto ma badare piuttosto a utilizzare dei dispositivi elettronici che ci permettano di conservare i nostri dati in tutta sicurezza.

«Scegliete prodotti sicuri – consiglia Stefano – e usateli con cognizione di causa; scaricate applicazioni da fonti ufficiali e scegliete un produttore che proponga aggiornamenti sicuri della propria casa. Proteggete i dispositivi con password ed effettuate cifratura dei dati. Sono strumenti messi a disposizione dal vostro telefono, basta utilizzarli per essere un po’ più al sicuro».

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Venti famiglie ancora fuori da Palazzo Lelli. Sarebbero dovute rientrare presto?

Dovevano rientrare nel giro di pochi giorni e invece sono ancora fuori casa. Massimo 72 ore si erano sentiti...

Esodo al contrario da Nord, in molti tornano a casa. Necessario segnalare

Ai tempi del Coronavirus un esodo da Nord - dove molti uffici e scuole sono chiusi - a Sud dei pendolari o studenti/lavoratori fuori...

Cerignola, sequestrati 64mila litri di gasolio di contrabbando e denunciate dieci persone

Nei giorni scorsi, militari della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Foggia hanno condotto due distinte operazioni di polizia giudiziaria, coordinate dalla locale...

Un video con alcune indicazioni per prevenire il contagio da Coronavirus

Poche semplici indicazioni pratiche sono state fornite attraverso un video su Facebook dal dottor Gianni Ruocco della Farmacia del Corso. Oltre alla pulizia delle...

Coronavirus, obbligo di segnalazione per chi rientra in Puglia dal Nord

Per fronteggiare l’emergenza Coronavirus, la Regione Puglia invita «tutti i cittadini che rientrano in Puglia provenienti dal Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna» e che...