pub_728_90
Pubblicità
Sportweb

Emergenza discarica e le proroghe infinite. Le parole di Vasciaveo

Il paese delle deroghe e delle proroghe. L’Italia, certo. E con essa anche Cerignola che, da questo punto di vista, non ha nulla da invidiare a nessuno. Lo sa bene Francesco Vasciaveo, amministratore unico di Sia. A maggior ragione dopo l’ultimo esempio della politica delle proroghe, che ha toccato, ancora una volta, la discarica di Cerignola. E’ datata 29 0ttobre l’ordinanza della provincia di Foggia, con cui si delocalizzano rifiuti di altri Comuni presso l’impianto di biostabilizzazione di Cerignola, per ulteriori 90 giorni. Una sentenza firmata dall’assessore all’ambiente Stefano Pecorella e che condanna il comune ofantino allo status di “pattumiera di Capitanata” (e non solo). “Non so quanto potremo andare avanti in questo modo – dichiara Vasciaveo a Lanotiziaweb -. La situazione è prossima al collasso”. I Comuni che conferiscono a Cerignola sono una trentina: 9 appartengono al distretto AtoFg4 (Cerignola, San Ferdinando, Margherita di Savoia, Trinitapoli, Stornara, Stornarella, Orta Nova, Carapelle ed Ordona); 7 sono quelli autorizzati a conferire sin dalla nascita della discarica (Chieuti, Lesina, Poggio Imperiale, San Marco in Lamis, Serra Capriola, San Paolo Civitate, Isole Tremiti); 14 quelli che scaricano a forza di proroghe (Manfredonia, Mattinata, Monte Sant’Angelo, Zapponeta, Rignano Garganico, San Giovanni Rotondo, Cagnano Varano, Ischitella, Vieste, San Nicandro, Carpino, Rodi, Peschici, Vico del Gargano). Un plotone impressionante, capace di mettere in crisi un impianto che pure, recentemente, aveva conosciuto l’ampliamento dei lotti. “Il problema riguarda l’Ato Fg 1 – dichiara Vasciaveo -, che non ha ancora raggiunto una sua autonomia. Il problema è che si continua a scaricare a Cerignola perché è il comune più vicino. Si potrebbe conferire anche negli impianti di Andria o di Trani. In quel caso però, trattandosi di Comuni fuori dalla provincia, servirebbe un’ordinanza regionale”.  La soluzione San Nicandro, comune che già in passato si era candidato come sede di un impianto di compostaggio, sembra ormai un’utopia: lentezze burocratiche, empasse politico e studi di localizzazione dagli esiti incerti ne hanno compromesso la fattibilità. Che il sistema proroghe non possa reggere è confermato anche dalle altre grane con cui Vasciaveo è costretto a misurarsi: “Il 15 novembre scade l’ordinanza relativa all’abbancamento dei rifiuti. Domani avremo un incontro in Regione per ottenere l’Aia (autorizzazione integrata ambientale) per l’implementazione volumetrica e credo, dunque, di poter sopperire al problema dell’abbancamento. Ma il 23 di novembre scadrà anche l’ordinanza relativa ai Comuni del Basso Gargano (Manfredonia, Mattinata, Zapponeta, ecc.). In quell’occasione si ripresenterà, probabilmente, la necessità di ulteriori proroghe, con un impianto ormai sovraccarico come il nostro”. Più emergenza di questa…

Stefano Campese

 

 

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
Cala la pasta

Ultim'ora

50enne positivo al Coronavirus viola la quarantena: denunciato per epidemia colposa

È un 50enne del quartiere Carbonara di Bari la prima persona denunciata nell’area metropolitana del capoluogo pugliese per epidemia...

Al via la fase due del piano ospedaliero della Regione Puglia sul Coronavirus

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, insieme al direttore del dipartimento Politiche per la Salute Vito Montanaro e al responsabile del coordinamento emergenze...

Soldi al posto dei “buoni spesa”: la soluzione “fuori legge” degli ex-amministratori

Neppure di fronte all’emergenza Coronavirus si ferma la speculazione politica. Parlare di “soldi" alle famiglie può sembrare apparentemente giusto, se solo non fosse di fatto...

«Misure prorogate fino al 13 aprile». Le novità del dpcm firmato ieri

Misure in vigore prorogate fino al 13 di aprile. Il premier Giuseppe Conte ha firmato stasera il dpcm (decreto del presidente del Consiglio) che...

582mila euro per l’emergenza. Ecco come richiedere e ricevere i buoni spesa

Era già circolata la notizia dei 582mila euro stanziati per il comune di Cerignola, denaro liquido per sopperire all'emergenza Coronavirus da utilizzare per la...

SOSTIENI LANOTIZIAWEB.IT

LANOTIZIAWEB.IT è il tuo quotidiano, quello che leggi gratis da dieci anni. I giornalisti della Redazione in questo particolare periodo (#emergenzaCoronavirus) stanno lavorando giorno e notte per offrire un’informazione precisa, puntuale ed affidabile. Per supportarci oggi ti chiediamo (se puoi e vuoi) un piccolo contributo. Non è un abbonamento o una sponsorizzazione: sarà una semplice donazione. Grazie!

Dona Adesso

i più letti

Coronavirus, dopo giorni in rianimazione il decesso. La storia di una famiglia di Cerignola

Le famiglie dei contagiati da Covid-19 sono spesso lasciate sole a vivere una quotidianità di silenzi, con la paura che possa...

Latitante di Cerignola arrestato a Civitavecchia, rientrava dalla Spagna

Arrestato al porto di Civitavecchia un latitante che proveniva dalla Spagna. Si tratta di un pregiudicato originario di Cerignola,...

Dati Covid-19 Cerignola 1 aprile: 35 contagiati (6 decessi) più 81 in quarantena

Come da comunicazione della Responsabile del Servizio Igiene e Sanità Pubblica, il numero dei contagiati ufficiali sul territorio comunale...