mercoledì, 1 Aprile - 11:49
Sportweb
pub_728_90
Pubblicità

Fine Udas, la proprietà racconta la propria verità e punta il dito contro Metta

«Ci siamo fidati, pensavamo che tutti ragionassero come noi, ma abbiamo sbagliato. Loro hanno tradito noi, noi abbiamo tradito voi. Ma noi eravamo in buona fede. L’Udas forse morirà, ma di certo non moriranno i suoi princìpi, il suo stile, e l’esempio umano e sportivo che ha insegnato in questo mezzo secolo». Così si chiude la lunga nota stampa nella quale si annuncia la prossima radiazione dell’Udas Basket Città di Cerignola dalla FIP.

Un finale più tragico della retrocessione, una conclusione che merita qualche riflessione, oltre le parole della proprietà all’indirizzo dell’ultimo presidente Franco Metta. Difficoltà economiche appena all’inizio dell’avventura in serie B, anno 2017/2018, con il Sindaco ad offrire il proprio supporto alla squadra biancazzurra. «Inconsapevolmente stavamo diventando ‘Mettadipendenti’, e fu un errore madornale» scrivono nella nota stampa i vertici Udas. «A fine ottobre Metta, che ormai partecipava alle riunioni della dirigenza, assicurò che le iniezioni di danaro necessarie erano state da lui risolte con la convocazione di una decina di imprenditori in Comune» precisano. «Nella riunione dirigenziale di metà dicembre ci fu esplicitato che i soldi sarebbero arrivati in abbondanza solo se avessimo affidato la responsabilità della squadra allo stesso Metta, eleggendolo presidente. Accettammo. Nei fatti il pasticcio l’avevamo fatto». Ai principi ispiratori della storica polisportiva si sostituirono «la logica del tutti contro tutti, delle riunioni carbonare, del dire una cosa per farne un’altra, delle promesse irrealizzabili, del pettegolezzo e della critica sterile e fine a se stessa» racconta la proprietà. Il campionato alla fine si chiude con la retrocessione e «alla riunione del 12 maggio 2018 Metta si presentò riconoscendo che le cose non erano andate bene e che di errori ne erano stati fatti, e di grossi».

Di qui il disegno futuro, l’ultimo step di una fine annunciata per la squadra ofantina. «Il presidente in carica ci disse che aveva intenzione di presentare istanza di ripescaggio alla serie B, e che per l’anno prossimo aveva intenzione di allestire una squadra con l’obiettivo di competere per la serie A/2. Aveva già raggiunto un accordo di massima con quello che sarebbe divenuto lo sponsor principale. Naturalmente, di fronte ad un investimento di circa ‘un miliardo di vecchie lire’ (testualmente) egli doveva acquisire la titolarità del 51% della società» dicono gli udasini. «Alla fine prevalse l’idea della cessione delle quote a Metta. Ma la cosa stranamente non quagliava e con Metta non si riusciva più a parlare. Qualcuno adombrò che Metta preferisse percorrere altre vie lasciando morire l’UDAS, e l’idea, più che un sospetto, si concretizzò in realtà quando a sorpresa Metta comunicò che si dimetteva da presidente dell’UDAS e che aveva costituito un’altra società di basket».

Termina così la storia di cinquant’anni dell’Udas, non fallita ma radiata, non ancora ufficialmente, ma la cosa avverrà di sicuro a brevissimo. «Ciò che non avevamo immaginato neanche lontanamente che potesse succedere in 50 anni, qualcun’altro lo ha realizzato in appena 3 mesi – conclude la proprietà -. Povera Udas, persa fra logiche che le erano state sempre estranee, si è giocata il proprio patrimonio di correttezza, di lealtà, di amore per lo sport costruito in 50 anni».

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
Cala la pasta

Ultim'ora

“Una foto per la vita”, anche i fotografi scendono in campo per l’emergenza Covid-19

«La nostra Italia ha bisogno di noi, e il nostro meraviglioso lavoro può contribuire a salvare tante vite. Forse...

Avviato “laboratorio virtuale” di recitazione dall’Aps Puglia Spettacolo

In questo periodo di emergenza sociale, sanitaria ed economica è fondamentale fare un’attività ricreativa, divertente, formativa e interattiva. Per questo motivo l’APS Puglia Spettacolo ha creato...

Coronavirus, dopo giorni in rianimazione il decesso. La storia di una famiglia di Cerignola

Le famiglie dei contagiati da Covid-19 sono spesso lasciate sole a vivere una quotidianità di silenzi, con la paura che possa squillare il telefono e giungere...

Latitante di Cerignola arrestato a Civitavecchia, rientrava dalla Spagna

Arrestato al porto di Civitavecchia un latitante che proveniva dalla Spagna. Si tratta di un pregiudicato originario di Cerignola, in provincia di Foggia, ricercato...

Raccolta cibo: da un gruppo di amici a decine di adesioni

«E' iniziato tutto tra amici. Mettiamo 20 euro a testa per aiutare famiglie che hanno bisogno? E li abbiamo raccolti. Da qui abbiamo cominciato...

SOSTIENI LANOTIZIAWEB.IT

LANOTIZIAWEB.IT è il tuo quotidiano, quello che leggi gratis da dieci anni. I giornalisti della Redazione in questo particolare periodo (#emergenzaCoronavirus) stanno lavorando giorno e notte per offrire un’informazione precisa, puntuale ed affidabile. Per supportarci oggi ti chiediamo (se puoi e vuoi) un piccolo contributo. Non è un abbonamento o una sponsorizzazione: sarà una semplice donazione. Grazie!

Dona Adesso

i più letti

Coronavirus, dopo giorni in rianimazione il decesso. La storia di una famiglia di Cerignola

Le famiglie dei contagiati da Covid-19 sono spesso lasciate sole a vivere una quotidianità di silenzi, con la paura che possa...

Covid-19, oggi un nuovo caso a Cerignola, 33 in tutto. Restano 77 le persone in quarantena

Come da comunicazione della Responsabile del Servizio Igiene e Sanità Pubblica, il numero dei contagiati ufficiali sul territorio comunale...

Cerignola, tenta di rubare un’auto: arrestato dai carabinieri | Video

Stava manomettendo la centralina di una Fiat Doblò family, mentre un complice faceva il “palo”, quando una pattuglia della...