venerdì, 28 Febbraio - 03:53
Sportweb
pub_728_90

Piantagione di Marijuana in vigneto (video): arrestato bracciante

i più letti

Caso sospetto di Coronavirus nel foggiano. Paziente trasferito da San Severo a Bari

Caso sospetto di Coronavirus in provincia di Foggia. Ad informare è una nota dell'ASL Foggia. Nella serata di ieri...

Primo caso di Coronavirus in Puglia. A comunicarlo è il governatore Emiliano

C'è il primo caso di Coronavirus in Puglia. A comunicarlo è stato il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano....

Fuggì dopo aver investito finanziere in pieno centro: obbligo di dimora per un incensurato di Cerignola

Era la notte di domenica 23 giugno 2019 quando un Appuntato della Guardia di Finanza in forza presso il...

I militari della Stazione Carabinieri di Stornara hanno tratto in arresto CALAMITA Rocco, 55 anni, bracciante agricolo, censurato, per “coltivazione e produzione di sostanza stupefacente”. Nell’ambito di una serie di servizi finalizzati a contrastare il fenomeno della produzione e dello spaccio di sostanze stupefacenti, che dall’inizio dell’anno hanno portato all’arresto di 8 persone nonché al sequestro di  Kg 4,7 di marijuana e  gr. 80 di cocaina, i Carabinieri del centro dei cinque reali siti sono venuti a conoscenza dell’esistenza di una coltivazione di “canapa indiana” condotta da un bracciante agricolo all’interno del proprio vigneto, in contrada Gianlorenzo. Per constatare la veridicità della notizia, i militari della Stazione hanno espletato numerosi appostamenti nell’area di interesse. Dalle osservazioni condotte nottetempo con l’ausilio di un binocolo a infrarossi è emerso che CALAMITA si è recato presso la proprietà percorrendo, a bordo di uno scooter, una stradina sterrata sulla destra dell’appezzamento che consente l’accesso da un ingresso secondario. Giunto nei pressi della piantagione, il coltivatore ha attivato un quadro elettrico, attaccato ad una pianta di fico, collegato ad un pozzo artesiano da cui ha attinto l’acqua utilizzata per l’irrigazione sia del vigneto e che delle piante di sostanza stupefacente. Stante l’evidenza dei fatti i militari hanno deciso di intervenire ed hanno bloccato CALAMITA mentre si adoperava per l’irrigazione della piantagione.

I militari hanno quindi proceduto ad un’ispezione del podere che ha dato modo di rinvenire,  ordinatamente attaccate ai paletti delle viti con dei cordini di gomma, ben 1092 piante di canapa indiana, appartenenti alla specie della “cannabis sativa”. Dette piante erano tutte servite da un sistema di irrigazione del tipo “a goccia” costituito cioè da numerosi tubicini posizionati rasenti al terreno, che aveva consentito di alimentare le piante, oramai ad un avanzato livello di maturazione. L’intera piantagione è stata sottoposta a sequestro penale e le singole piante sono state faticosamente estirpate e trasportate nella locale Caserma dei Carabinieri. Il peso complessivo delle piante è risultato pari a 520 kg. Di fronte all’evidenza dei fatti il contadino ha dichiarato di aver iniziato la coltivazione alcuni mesi prima utilizzando dei semi ricevuti da un non meglio identificato marocchino ma di non sapere cosa fare delle piante. Gli esami di laboratorio effettuati dal L.A.S.S. dei Carabinieri del Comando provinciale di Foggia ha permesso di accertare che con lo stupefacente sequestrato sarebbe stato possibile ottenere 27.000 dosi singole droganti, del valore di euro 135.000,00. Alla luce degli elementi raccolti CALAMITA è stato dichiarato in stato di arresto.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Coronavirus, negativo il caso sospetto di San Severo

Il caso sospetto di Coronavirus registrato ieri sera presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale di San Severo è risultato negativo....

Caso sospetto di Coronavirus nel foggiano. Paziente trasferito da San Severo a Bari

Caso sospetto di Coronavirus in provincia di Foggia. Ad informare è una nota dell'ASL Foggia. Nella serata di ieri è stato registrato un caso...

Tutti i dettagli sul primo caso pugliese di COVID-19

Sviluppi e nuovi dettagli in merito al primo caso pugliese di Coronavirus. Non avrebbe più febbre e al momento sarebbe asintomatico il 43enne di Torricella...

Fuggì dopo aver investito finanziere in pieno centro: obbligo di dimora per un incensurato di Cerignola

Era la notte di domenica 23 giugno 2019 quando un Appuntato della Guardia di Finanza in forza presso il Gruppo ATPI di Bari, impegnato...

Primo caso di Coronavirus in Puglia. A comunicarlo è il governatore Emiliano

C'è il primo caso di Coronavirus in Puglia. A comunicarlo è stato il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. «Come avevamo previsto abbiamo il...