Pubblicità
pub_728_90
Sportweb

Ius soli temperato e culturae: facciamo chiarezza

Provate a prendere lo smartphone dei vosti figli, dei vostri fratelli o nipoti, sicuramente all’interno ci troverete le canzoni del personaggio in foto. Lui è Ghali, artista emergente della musica hip hop capace di fare milioni di visualizzazioni su Youtube con i suoi brani, perchè racconta la vita e i turbamenti dei ragazzi delle nostre periferie.

Adesso molti di voi staranno pensando al fatto che l’incipit di questo articolo e la foto che lo
accompagna siano in netto contrasto, ma non è così. Ghali, pseudonimo di Ghali Amdouni è uno dei rapper più amato dai ragazzi. E’ nato a Milano nel 1993 da genitori tunisini, ha sempre vissuto nel capoluogo lombardo, trascorrendo buona parte della sua infanzia e la sua adoelscenza a Baggio, quartiere della periferia milanese.

Qui studia, qui esce con i suoi amici che amano il kebab più di lui, con alcuni di loro inizia a fare musica. Non conosce la Tunisia, non ci è mai stato, ma conosce benissimo il suo quartiere e la sua città. Una vita familiare complicata, con il padre in carcere come molti dei suoi coetanei nel suo quartiere.

Bene, per capire l’utilità dello Ius Soli è importante immergersi in queste storie, in queste vite, in questo modo ci sembrerà naturale cogliere la necessità di una legge che fa dissolvere un vulnus giuridico che blocche queste situazioni. Attenzione a non confondere – come qualche politico sciacallo tenta di fare – lo Ius Soli con le immagini dei disperati che giungono sulle nostre coste con i barconi per scappare dalla fame e dalla guerra.

Qui stiamo parlano di ragazzi italiani, che ancora oggi per lo Stato non lo sono. Ma che cos’è realmente lo Ius Soli temperato di cuisi parla tanto in qusti giorni? Partiamo col dire che il nuovo disegno di legge non prevede lo ius soli, cioè il diritto ad acquisire la cittadinanza per tutti quelli che nascono sul territorio italiano. La proposta di legge introduce invece uno ius soli temperato, prevede cioè che possano ottenere la cittadinanza italiana i bambini stranieri nati in Italia che abbiano almeno un genitore in possesso del permesso di soggiorno permanente o del permesso di soggiorno europeo di lungo periodo.

Oltre allo ius soli temperato, la legge prevede anche lo ius culturae grazie al quale potrà ottenere la cittadinanza italiana anche il minore straniero nato in Italia o arrivato qui prima di compiere dodici anni che abbia frequentato regolarmente la scuola per almeno cinque anni o che abbia seguito percorsi di istruzione e formazione professionale triennali o quadriennali idonei a ottenere una qualifica professionale.

Seconso le stime della Fondazione Leone Moressa, considerando che i nati stranieri in Italia negli ultimi anni si sono attestati tra i 70mila e gli 80mila (ragazzi come Ghali), è possibile calcolare un numero di 45-50mila potenziali nuovi italiani ogni anno per ius soli temperato e di 10-12 mila bambini nati all’estero e iscritti a scuola. Detto questo appare chiaro che lo spettro di una sanatoria per legalizzare un’«invasione di stranieri» – a sbandierata da molte forze populiste – non esiste. Ghali (e tutti gli altri nella sua condizione) è già in Italia, è italiano ma lo Stato ancora non lo riconosce. Saviano dice di lui: «Ghali è un dono che nasce quando il Paese ne ha più bisogno». Sicuramente può aiutarci a fugare ogni dubbio sulla scelta di civiltà che è lo Ius soli.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
Cala la pasta

Ultim'ora

Il messaggio del Vescovo Luigi Renna al mondo della scuola

Pubblichiamo di seguito un messaggio giunto in redazione a cura del Vescovo della Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano, Mons. Luigi...

La GdF devolve 9mila litri di alcool etilico per la produzione di disinfettanti galenici

Il Comando Provinciale di Foggia, su autorizzazione del Tribunale e della Procura della Repubblica di Foggia, ha devoluto gratuitamente, all’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza...

Acea punta tutto sull’online e promuove il messaggio: “io resto a casa”

Nella delicata situazione che sta mettendo a dura prova il nostro Paese e la popolazione tutta, grandi aziende come Acea si stanno muovendo per...

Consegnati i primi buoni spesa. Quasi 1500 domande a Palazzo di Città

Consegnati a Cerignola i primi buoni spesa. Sono state moltissime le domande giunte in questi giorni, quasi 1500, e gli uffici hanno già avviato...

Puglia, sono 70 i positivi Covid di oggi. Nel foggiano 30 casi

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi martedì...

SOSTIENI LANOTIZIAWEB.IT

LANOTIZIAWEB.IT è il tuo quotidiano, quello che leggi gratis da dieci anni. I giornalisti della Redazione in questo particolare periodo (#emergenzaCoronavirus) stanno lavorando giorno e notte per offrire un’informazione precisa, puntuale ed affidabile. Per supportarci oggi ti chiediamo (se puoi e vuoi) un piccolo contributo. Non è un abbonamento o una sponsorizzazione: sarà una semplice donazione. Grazie!

Dona Adesso

i più letti

Cercano di rubare in un asilo, tre arresti dei carabinieri a Cerignola

Tre giovani ragazzi di Cerignola sono stati arrestati alcuni giorni fa dai Carabinieri per tentato furto ai danni di...

Coronavirus, rischio contagi tra i sanitari. Al Tatarella nuovi sospetti in isolamento

Il rischio contagi tra i sanitari, con un modello organizzativo com'è quello adottato dalla Capitanata, è praticamente inevitabile. Dopo...

Aggiornamento Covid-19, finalmente non ci sono nuovi positivi oggi a Cerignola

La comunicazione ufficiale del Centro Operativo Comunale per oggi consegna dati confortanti. Come da comunicazione della Responsabile del Servizio...