Pubblicità
Sportweb
pub_728_90

«Si, però ha amministrato bene». Opinione pubblica divisa su Metta

Nonostante lo scioglimento per infiltrazioni mafiose, nonostante l’arrivo della commissione prefettizia, in città le opinioni si dividono sull’operato di Metta, ma anche sulla veridicità delle infiltrazioni. I giorni appena trascorsi inaugurano infatti un momento abbastanza delicato per l’intera comunità ofantina. Una frangia consistente da un lato probabilmente non ha ancora ben chiara la portata della cosa, e dall’altro si ferma a quanto mostrato ai cittadini attraverso le opere di pubblica utilità.

«Da cittadino penso che sia tutto falso – dice un cittadino -. Perché come dice tutta la città questo è il Sindaco che ha fatto ciò che in cinquant’anni io non ho mai visto. Ha cambiato Cerignola, siamo orgogliosi di quello che ha fatto e speriamo che ne esca fuori pulito. Perché siamo certi al cento per cento che non ha fatto nulla di male». Del medesimo avviso il consigliere di maggioranza Vincenzo Erinnio, che precisa: «è una notizia che ci lascia con l’amaro in bocca. Aspettiamo gli esiti finali. Posso solo garantire che abbiamo sempre lavorato in massima legalità in tutti questi quattro anni. I risultati ci sono e sono ben visibili. La mafia non esiste. Perché le interdittive non sono arrivate dopo affidamenti diretti ma a seguito di bandi pubblici. Noi non possiamo decidere chi deve partecipare. Quel che accade dopo non possiamo saperlo».

CasarellaProprio sul fare è critico da Fratelli d’Italia Gianvito Casarella: «credo che in questo momento bisogna rispettare le scelte del consiglio dei Ministri. Tacere dunque e aspettare che si compia ogni cosa. A me spaventa la gente che dice “si però ha amministrato bene”. Quel “si però” è un’implicita accettazione di un compromesso, va bene la presenza di certi ambienti nell’amministrazione purché si faccia. Questo è un compromesso al quale culturalmente non scenderemo mai». Due modi di vedere che rappresentano plasticamente quel che si legge sui social network in queste ore, dove i commenti si dividono tra chi difende a spada tratta l’operato di Metta & Co e chi invece rilancia e attacca su quanto sta accadendo in queste ore.

Rosario Spione

«Da sempre ho sostenuto l’inadeguatezza di Metta – ha detto l’ex assessore ai servizi sociali della giunta Giannatempo, Rosario Spione -. Dal primo momento ho sempre detto che una gestione fatta in quella maniera non era utile per la città. Oggi ci troviamo di fronte ad una situazione nella quale diverse attività di questa amministrazione non sono conformi a quanto hanno fatto le altre amministrazioni».

Come accade spesso in queste occasioni la notizia è talmente eclatante da dividere. Quel che viene fuori dalla relazione del Ministro tuttavia è che proprio quanto fatto sarebbe “inquinato” dalle infiltrazioni mafiose; in parole povere, in quel tanto, in molte delle gare, dei bandi, degli affidamenti e delle concessioni, l’organo inquirente ha ravvisato irregolarità che avrebbero favorito aziende o gruppi riferibili a compagini mafiose. «Le risultanze dell’accesso ispettivo – si legge testualmente – hanno evidenziato un’illegittima e anomala commistione nella gestione degli affidamenti di lavori pubblici»; in più «l’amministrazione ha fatto ripetutamente ricorso al modello dell’offerta unica, attraverso procedure caratterizzate da anomalie e irregolarità con aggiudicazioni in favore di imprese riconducibili alla criminalità organizzata». Nonostante questo, e l’importanza del tema, l’opinione pubblica continua a dividersi.

Gennaro Balzano
La Gazzetta del Mezzogiorno

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
Cala la pasta

Ultim'ora

La regione chiude gli alimentari a Pasqua e Pasquetta

Il presidente della Regione Puglia ha emanato un’ordinanza che dispone la chiusura al pubblico delle attività commerciali al dettaglio...

Interventi straordinari in materia tributaria. Tra gli altri la sospensione della TOSAP

Sono stati ufficializzati oggi gli interventi in materia tributaria ed entrate comunali decisi dalla Commissione Straordinaria. Il pacchetto di provvedimenti, come si legge nella...

Coronavirus, oggi un nuovo caso a Cerignola, un decesso e 52 in quarantena

Come da comunicazione della Responsabile del Servizio Igiene e Sanità Pubblica, il numero dei contagiati ufficiali sul territorio comunale alle ore 17,00 della data...

Boom di positivi in Provincia di Foggia: sono 49. In Puglia 82 casi, 2716 dall’inizio

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi giovedì...

“Nessuno si salva da solo”: iniziativa dell’Ufficio Diocesano per i Problemi Sociali e il Lavoro

Nessuno si salva da solo è il titolo dell’appuntamento organizzato dall’Ufficio per i Problemi Sociali e il Lavoro della Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano, che...

SOSTIENI LANOTIZIAWEB.IT

LANOTIZIAWEB.IT è il tuo quotidiano, quello che leggi gratis da dieci anni. I giornalisti della Redazione in questo particolare periodo (#emergenzaCoronavirus) stanno lavorando giorno e notte per offrire un’informazione precisa, puntuale ed affidabile. Per supportarci oggi ti chiediamo (se puoi e vuoi) un piccolo contributo. Non è un abbonamento o una sponsorizzazione: sarà una semplice donazione. Grazie!

Dona Adesso

i più letti

Deceduto professore 55enne di Cerignola con coronavirus. Vano il trasporto in elisoccorso a Bari

E' deceduto un 55enne di Cerignola risultato positivo al Covid. L'uomo, un docente di una scuola cerignolana, pare non...

Coronavirus, oggi un nuovo caso a Cerignola, un decesso e 52 in quarantena

Come da comunicazione della Responsabile del Servizio Igiene e Sanità Pubblica, il numero dei contagiati ufficiali sul territorio comunale...

Sotto sequestro 4mila confezioni di gel igienizzante in azienda di Cerignola

La Guardia di Finanza ha perquisito la sede di una società a Cerignola (Fg) e ha sequestrato oltre 4mila...