More

    HomeEvidenza“Nun te reggae +”: ridere per non piangere...

    “Nun te reggae +”: ridere per non piangere…

    Pubblicato il

    Torna la satira di Satyricon che vi ringrazia per l’enorme seguito che la rubrica sta avendo. La satira cerca sempre di colpire nel profondo i potenti, magari rivelando pensieri e situazioni indicibili. Coperte da segreti di stato ed ipocrisia diplomatica. Wikileaks in questo ci sta aiutando, “svelando” l’indicibile. A questo proposito vi regaliamo una battuta dei nostri padri putativi, i re della satira sul web Spinoza.it: «Sarah Palin: “Assange ricercato come Bin Laden”. Quindi è al sicuro». Bella, peccato che si sia dimostrata sin troppo ottimista! Buona lettura!

    • Brutale aggressione ad un benzinaio, derubato in via Pavoncelli. I malviventi erano armati. Ma per fortuna il colpo è avvenuto “senza piombo”.
    • Papa durante la messa nella parrocchia di San Massimiliano Kolbe a Roma: «Da dittature solo vuoto e distruzione». Quant’è sincero ‘sto Papa…
    • Guccini, De Gregori, Gaber e De Andrè. Sembra essere stata questa la colonna sonora nei pullman del Pd in viaggio per Roma. Una volta scesi ecco Neffa e Cristicchi. Ѐ la terza repubblica.
    • Indovinello del giorno. Fa il premier, è attorniato da mille donne, nel galà di beneficienza di ieri 11 dicembre a San Pietroburgo ha cantato e ballato. Se avete risposto Berlusconi avete indovinato. Infatti è Putin.
    • Laguardia sempre sull’inceneritore. Speriamo ci resti.
    • Pece non fa politica e presenta Barbareschi. Che qualcuno avvisi Ruocco del “Grande Bluff”.
    • La Cicogna sfiducia anche Ruocco: «Ha scambiato il suo ruolo con un’ “area di parcheggio”». Facessero presto a tornare i grattini. Almeno ci guadagniamo.
    • Pompei, altro disastro. Crolla la Casa del Moralista. Che nessuno chiami in causa Bondi. Di “morale” lui non può saperne.
    • Casini sul Pd: «Bella piazza, ma “via Berlusconi” non basta». “Vattene anche tu” ti va bene ?
    • Dopo le rivelazioni di Wikileaks Hillary Clinton dichiara: «Silvio resta comunque il nostro amico migliore». Cambiare comitiva no, eh?