pub_728_90
Sportweb

Intervista esclusiva al Presidente Udas di Giorgio

i più letti

Una 43enne originaria di Cerignola arrestata per spendita di denaro falso a Candela

I Carabinieri della Stazione di Candela hanno arrestato in flagranza di reato per spendita di monete falsificate e truffa...

E’ oggi la “Bambnell”. A Cerignola si mangiano i “cucoli” fritti

Una tradizione tutta cerignolana quella della festa della “Bambinella” (Bambnell in dialetto, ndr) momento nel quale secondo festività cristiana vi è la...

La Mafia a Cerignola è tutta un’invenzione. Senzadubbiamente

Se non fossimo lontani dal set del film che oggi esce nelle sale (“Cetto c’è. Senzadubbiamente” di Antonio Albanese)...
Mimmo Sienahttp://www.facebook.com
Classe 1972, responsabile della gestione e realizzazione dei giornali radio, responsabile della redazione sportiva, amo lo sport, collaboratore de lanotiziaweb.it per gli altri sport ed i principali eventi cittadini.

“In tre anni vogliamo arrivare in Serie C”: è convinto più che mai Giuseppe di Giorgio, Presidente dell’Udas Cerignola, a due giorni dall’inizio del campionato di Basket Serie D maschile. In un’intervista esclusiva a lanotiziaweb.it, il massimo dirigente ofantino spiega le finalità di un progetto della durata di tre anni, partendo dalla campagna acquisti che vede in squadra il giovane argentino Sebastian Susbellies, ed il cubano Hugo Sierra. “Susbellies è una giovane promessa e per la prima volta approda in Italia; Hugo Sierra invece è un giocatore affermato, ed ha disputato molti campionati in diverse categorie. Sono due ragazzi che daranno un contributo importante alla squadra e alla società. Il nostro progetto sarà  triennale: il primo anno puntiamo a un campionato tranquillo senza troppo soffrire, il secondo vincerlo e il terzo consolidando il gruppo per raggiungere la serie C”. Poi sul campionato che parte domenica prossima il massimo dirigente udassino lo presenta così: “Sarà un campionato estremamente duro e avvincente sin dalla prima giornata, quando arriverà al palasport Giovanni Paolo II il Vieste, una delle candidate per la vittoria finale. Poi ci sono le squadre foggiane insieme con quelle della Bat, che sono ben allestite e possono crearci difficoltà. Noi siamo una squadra giovane e il nostro entusiasmo positivo, ci induce a fare bene partita per partita; le amichevoli, inoltre, hanno confermato il buono stato di forma”. Riconfermato il tecnico Rosario Saracino, che è stato determinante per far arrivare Susbielles e Sierra a Cerignola. Di Giorgio aspetta anche il derby con la Mediterranea e con un po’ di emozione racconta: “Sarà una partita speciale e importante; stiamo preparando una bellissima festa per tutta la città insieme a delle coreografie che lasceranno il segno. Cerignola merita di essere al centro di questo sport, bellissimo ed emozionante”. Nei prossimi giorni intervisteremo anche il Direttore Sportivo della Mediterranea Mimmo Russo, per farci raccontare come la sua squadra affronterà il campionato.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Una 43enne originaria di Cerignola arrestata per spendita di denaro falso a Candela

I Carabinieri della Stazione di Candela hanno arrestato in flagranza di reato per spendita di monete falsificate e truffa...

Giovani in Consiglio regionale: fra gli eletti due studenti delle scuole di Cerignola

“Giovani in Consiglio: da Osservatori a Protagonisti", il progetto di cittadinanza attiva del Consiglio regionale della Puglia a favore dei ragazzi entra a regime,...

LetteraTour, gli incontri proseguono con protagonista Alda Merini

«Ho la sensazione di durare troppo, di non riuscire a spegnermi: come tutti i vecchi le mie radici stentano a mollare la terra. Ma...

Si festeggia la Virgo Fidelis, Patrona dell’Arma dei Carabinieri. Messa in Duomo

SI festeggia oggi la Virgo Fidelis, protettrice dei Carabinieri. La ricorrenza della Patrona è fissata dunque il giorno 21 del mese di novembre, in...

La Mafia a Cerignola è tutta un’invenzione. Senzadubbiamente

Se non fossimo lontani dal set del film che oggi esce nelle sale (“Cetto c’è. Senzadubbiamente” di Antonio Albanese) ci sarebbe solo da ridere...