More

    HomeNotizieCronacaFurti negli appartamenti…Occhio ai citofoni!

    Furti negli appartamenti…Occhio ai citofoni!

    Pubblicato il

    Non sono certo una novità per Cerignola. Eppure negli ultimi anni sembravano essere, se non scomparsi, quantomeno diminuiti rispetto ai numeri degli anni precedenti. I furti in appartamento, invece, sono ultimamente tornati di moda, un “revival” che torna a preoccupare e che dispensa insonnia a molti cerignolani. Anche perché, a destare preoccupazione, è la “professionalità” con cui sembrano essersi organizzati i nuovi topi d’appartamento. La modalità d’azione è semplice e proprio per questo pericolosa: persone ben vestite sostano nei pressi dei portoni dei condomini o davanti l’ingresso di abitazioni, spesso con in mano una borsa 24 h e quindi facilmente scambiabili per rappresentanti di commercio o scocciatori di altra estrazione. Sono loro, probabilmente, ad osservare abitudini e orari dei singoli inquilini e, in base a questi, segnalarli a chi poi farà il colpo. Come avviene la segnalazione? Semplice, disegnando un simbolo vicino ai citofoni degli inquilini (vedi foto). Ad ogni simbolo corrisponde un significato. I simboli disegnati sui citofoni sono molteplici: si va dalla semplice X (che significa “buon obbiettivo”) al O (che significa, invece, “inutile insistere”), passando per la C (“casa ricca”) alla M (“colpo consigliabile di mattina”). Una legenda del crimine articolata che arriva persino a segnalare le abitazioni dei pubblici ufficiali o semplicemente quelle degli amici da non toccare. I cittadini, intanto, sembrano però aver preso le contromisure. Diverse legende con i simboli in questioni sono state affisse nelle bacheche dei condomini e cominciano a girare anche su Facebook. Nessun allarmismo, da domani però “occhio ai citofoni”!

    18 COMMENTS

    1. Il sistema migliore ritengo possa essere quello di fare una bella O sulla faccia di chi avrà il coraggio di venire a suonare al citofono o per sua sfortuna trovarmi in casa in quel momento. Allora la O se la troverà tra le gambe per grande soddisfazione dei meno dotati. La nostra cittadina deve già pensare a quelli che la O te la fanno tutti i giorni, nei modi più beceri e soft, allora l’entrata in scena di questi “figli della lupa” è ancora più atteso.
      A buon intenditore poche parole. Traghettiamoli come il mio nik indica.