More

    HomeEvidenzaGentile sulla salute: "continuerò ad impegnarmi con tutte le mie forze!"

    Gentile sulla salute: “continuerò ad impegnarmi con tutte le mie forze!”

    Pubblicato il

    «La salute dei cittadini – afferma Elena Gentile – è un bene comune e come tale non assoggettabile a strumento di lotta politica e/o personale. Spiace che non ci pensi il Governo nazionale che sta mettendo a rischio il diritto alla salute di milioni di cittadini pugliesi, ostinandosi a non concedere le deroghe necessarie per conservare in servizio gli attuali organici a tempo determinato e per procedere alle ulteriori assunzioni necessarie, tenendoci con il fiato sospeso su una estenuante altalena».

    E inoltre, l’assessore regionale al welfare, continua parlando anche di quel che accade a livello locale. «Parimenti, spiace dover constatare che il Sindaco di Cerignola veicoli nell’opinione pubblica cittadina e territoriale messaggi disfattisti e fuorvianti, che potrebbero vanificare quanto di buono (anche con il concorso determinante di un personale medico e paramedico nella stragrande maggioranza di alta qualità professionale) è stato realizzato in questi anni per rilanciare l’immagine e l’offerta sanitaria dell’Ospedale di Cerignola, ridotte (è doveroso ricordarlo) al lumicino dalla desolante inerzia della politica pugliese ante ‘2005. E ciò pur avendo, nella qualità di componente della Conferenza dei Sindaci, ampie competenze in materia di programmazione, organizzazione e controllo della gestione dell’Azienda sanitaria».

    «E vengo al cuore del problema – continua l’assessore della Giunta Vendola -. Che la gestione della politica sanitaria pugliese post ’2005 sia stata contrassegnata da luci ed ombre è a tutti noto, ma questo non può assolutamente motivare o giustificare i tentativi scellerati di “far morire Sansone con tutti i Filistei”. Né, altresì, farci dimenticare che, in rapporto al numero degli abitanti e non per colpa dell’attuale Governo regionale, la Puglia ha una dotazione organica complessiva inferiore di decine di migliaia – fra medici e paramedici – rispetto ad altre realtà nazionali. E nemmeno, infine, farci dimenticare che in sei anni la sanità pugliese (incluso il nostro Ospedale) è passata da una fase di perenne stagnazione ad una di crescita esponenziale sia sul piano professionale e della qualità dei servizi che su quello dell’innovazione tecnologica e strutturale». Per concludere, «la strada da seguire ora, l’unica ragionevolmente possibile, è affiancare il lavoro politico e istituzionale che l’intera Giunta Regionale e tutti i Partiti di centrosinistra pugliesi stanno facendo per convincere il Governo nazionale a concedere le deroghe dianzi rammentate. E ciò con il coinvolgimento di tutti: opinione pubblica, istituzioni locali e parlamentari nazionali, personale medico e paramedico, forze sociali. Nella consapevolezza che rispetto ai beni comuni ogni interesse di parte e di partito deve essere bandito se si vuole tener fede agli obblighi di governo che ciascuno, a prescindere dalle singole appartenenze, ha ricevuto dai cittadini».

    «Del resto – chiude Elena Gentile -, sempre (ma ancora di più nei momenti di maggiore difficoltà) deve soccorrerci l’insegnamento dei padri migliori della nostra storia repubblicana e democratica, secondo il quale chi ricopre incarichi di responsabilità politica, istituzionale e/o di governo non deve mai guardare alle future campagne elettorali ma al futuro del bene comune di tutti i cittadini. Per parte mia, in silenzio e con la consueta idiosincrasia per la retorica, la demagogia, il populismo e il narcisismo, continuerò ad impegnarmi con tutte le mie forze in una concreta politica per una Puglia e una Capitanata migliori».

    7 COMMENTS

    1. xxxxxxxxxxxxx, avevi garantito 30 infermieri e 10 dottori a cerignola. Sei xxxxx e xxxxxxxxxxx xxxxxxx xxxxxx xxxxxx xxxxxxx.

    2. Per chi non lo sapesse,ed in questa città sono moltissimi,quando si tratta di assunzioni o trasferimenti nel settore pubblico,bisogna rispettare dei tempi talmente lunghi tanto da convincere i papabili interessati a non trasferirsi piu’,e tutto questo NONOSTANTE IL GRAN LAVORO SVOLTO,dal ns. MINISTRO ALLA SEMPLIFICAZIONE,nell’ATTUALE GOVERNO.Ma che lo dico a fare,a Cerignola vige il convincimento che tutto so e tutto conosco!

    3. Per il tornato. Siamo a conoscenza che i tempi della pubblica amministrazione sono lunghi, se poi ci mettiamo a fare “Noi I Legislatori” per proprio tornaconto, allora i tempi si allungano ancora di più, tanto che abbiamo visto la decisione della Consulta per le “allegre” assunzioni ed internalizzazioni fatte in Campagna Elettorale.
      A proposito di quanto afferma la dott.ssa, la colpa non è del Governo Centrale (del quale non sono tifoso), ma non essendo trinariciuto mi suona strano che lo stesso avrebbe dovuto mettere “le pezze” ad una gestione sanitaria “sprovveduta e delinquenziale” così come la Giustizia l’ha presentata.
      Fra pochi anni tutto sarà prescritto, allora ritorneranno in pista quelli che oggi sono fuori. I soccorritori dela nostra Storia a cui fa riferimento il comunicato sono tutti in Parlamento. Uno tsunami della prima e forse della seconda Repubblica non sono bastati a cancellarli. Largo ai giovani! Uno slogan che ha fatto storia, dai primi movimenti studenteschi. Gli studenti sono imbiancati ma non si sono trasformati in fantasmi. Lunga Vita agli “Affari Generali”.
      Alla faccia degli inanellati. (quelli con l’anello al naso).

    4. La gentile dichiara: “chi ricopre incarichi di responsabilità politica, istituzionale e/o di governo non deve mai guardare alle future campagne elettorali ma al futuro del bene comune di tutti i cittadini”. Come mai si ricorda di non gurdare alle future campagne elettorali solo oggi? Quando ci fu la SUA campagna elettorale le gigantografie attaccate sui muri inneggiavano all’apertura di reparti, alla riqualificazione della sanità. Oggi, con un ospedale in via di chiusura, non occorre guardare alle future campagne lelettorali (eggià, sarebbero fallimentari). Solitamente i politici scafati si attribuiscono meriti quando tutto va bene, affibiano colpe ad altri quando le cose vanno male, ma rimangono poltici con la p minuscola.
      Vorrei tanto che la Gentile mi commentasse questa frase: “non si accettano più ricoveri per evitare aggravamento delle condizioni di salute e di mancata prevenzione del decesso di pazienti per carenza di assistenza medica”. L’ha scritta i dott. Ventrella, primario di Medicina al Tatarella di Cerignola.
      Perchè non facciamo i conti con queste realtà e con chi sta lavorando male?

    5. A questo punto devo dire che la gentile e debolissima perche se le forze che mette sono queste tra poco tutti a sn giovanni rotondo che il tattarella chiude per mancanza di organico specializzato cioè DOTTORI con gli attribbuti professionalmente e umanamente Gentile fatti furba sulla sanità stai zitta che è meglio.

    6. Una piccola considerazione :
      lettera “di cui sopra” della dott.ssa Gentile:
      “secondo il quale chi ricopre incarichi di responsabilità politica, istituzionale e/o di governo non deve mai guardare alle future campagne elettorali ma al futuro del bene comune di tutti i cittadini. Per parte mia, in silenzio e con la consueta idiosincrasia per la retorica, la demagogia, il populismo e il narcisismo, continuerò ad impegnarmi con tutte le mie forze in una concreta politica per una Puglia e una Capitanata migliori».”

      riportato dalla lettera aperta di Franco Metta:

      Tutto succede sopra alle nostre teste,in maniera del tutto indifferente rispetto agli interessi di questa città e dei Suoi cittadini.
      CHE SI RICORDINO DI CHI FACEVA CAMPAGNA ELETTORALE PER LE REGIONALI CON IMMENSI MANIFESTI CHE ANNUNCIAVANO LA APERTURA DI NUOVI REPARTI OSPEDALIERI.
      QUELLA STESSA ELENA GENTILE CHE IL 4 LUGLIO ANNUNCIAVA,ADDIRITTURA IN VIDEO( ERRORE GRAVE: RESTANO LE TRACCE DI QUEL CHE DICI VANAMENTE,ELENA), LA PRONTA ED IMMEDIATA SOLUZIONE DEI PROBLEMI DELL’OSPEDALE,MANCO A DIRLO, MERCE’ IL SUO AUTOREVOLE INTERVENTO.

      Secondo lei dott.ssa Gentile, il cittadino di Cerignola, cosa deve dedurre da tutto ciò? il risultato finale qual’è?
      La risposta è sotto gli occhi di tutti,………. l’ospedale ormai è al collasso totale e le uniche e sole responsabilità sono politiche.
      Basta i proclami, i manifesti , la demogogia, le strimentalizzazioni, fanno parte di un politica del passato, la gente è stufa….fatti e poche parole.
      Proposta. la politica deve andare fuori dalle scatole “non vorrei usare altri termini” , sopratttutto nella sanità. Mi riferisco alle scelte strategiche delle ASL, dalla nomina dei DG, alla nomina dei primari, che soprattutto nel P.O. di Cerignola fanno capo alla????????????…………..suspance, ………………ai posteri l’ardua sentenza!!!!!!!

    Comments are closed.

    Ultimora

    L’Aps ‘Sud Music’ e l’Istituto “Di Vittorio-Padre Pio” in campo insieme per il progetto “Musicando”

    «Un progetto che, attraverso il ‘fare musica insieme’, intende promuovere e favorire tra i...

    Juan Ignacio Iliev ha vinto il terzo Open Fmishop di tennis allo Sporting Club di Cerignola

    Si è concluso il Terzo Open Fmishop presso lo Sporting Club di Cerignola: nove...

    Cerignola, Monsignor Domenico Battaglia ospite della parrocchia Sant’Antonio da Padova

    Ha avuto luogo nel tardo pomeriggio di martedì 11 giugno, nel salone “Monsignor Nicola...

    Due nuovi eventi di Giuseppe Amorese tra Roma e Pesaro

    A distanza di poche settimane, due eventi che vedono protagonista l’arte di Giuseppe Amorese....

    Venerdì 14 giugno nuova seduta del Consiglio comunale di Cerignola

    Il Presidente del Consiglio ha convocato il Consiglio comunale, in seduta ordinaria, per venerdì...

    Anticipazioni delle partite: gli avversari dell’Italia nella fase a gironi di Euro 2024

    La sfida per l'Italia all'EURO 2024 sarà ardua, specialmente dopo il trionfo nel 2020....

    Altro su lanotiziaweb.it

    L’Aps ‘Sud Music’ e l’Istituto “Di Vittorio-Padre Pio” in campo insieme per il progetto “Musicando”

    «Un progetto che, attraverso il ‘fare musica insieme’, intende promuovere e favorire tra i...

    Juan Ignacio Iliev ha vinto il terzo Open Fmishop di tennis allo Sporting Club di Cerignola

    Si è concluso il Terzo Open Fmishop presso lo Sporting Club di Cerignola: nove...

    Cerignola, Monsignor Domenico Battaglia ospite della parrocchia Sant’Antonio da Padova

    Ha avuto luogo nel tardo pomeriggio di martedì 11 giugno, nel salone “Monsignor Nicola...