More

    HomeNotiziePolitica"Peter Pan e l'isola ecologica che c'è". Ecco i numeri della differenziata

    “Peter Pan e l’isola ecologica che c’è”. Ecco i numeri della differenziata

    Pubblicato il

    Ben 47 tonnellate di materiale portato a recupero: oltre 12,5 di plastica, 22,5 di carta, 11,7 di vetro, 543 chili di alluminio e acciaio. Questi i numeri della prima edizione del progetto “Peter Pan e l’isola ecologica che c’è”, promosso dall’assessore all’Ambiente Stefano Palladino e dal presidente della Commissione alla Cultura, Gianvito Casarella. Per due mesi, da maggio a fine giugno, le scuole elementari di Cerignola si sono affrontate a suon di sacchetti dell’immondizia, conferiti nell’isola allestita nell’atrio del palasport: 2113 alunni che quotidianamente si sono resi protagonisti di 40 conferimenti. Ogni giorno almeno 45 bimbi, accompagnati dai genitori, deponevano e pesavano i propri rifiuti, arricchendo la propria tessera-punti, in vista del premio finale.

    “Si tratta di un risultato lusinghiero oltre ogni più rosea attesa – spiega Palladino – sia dal punto di vista ambientale che economico. I rifiuti separati e portati alle filiere del Conai fruttano 5.898 euro, sottratti alla discarica di Forcone Cafiero, e ciò consente un risparmio di oltre 4mila euro, per un totale di quasi 10mila euro. In sostanza, il finanziamento comunale dell’iniziativa è in gran parte recuperato dal risparmio. E sappiamo come a Cerignola ci sia bisogno di incentivare la raccolta differenziata, ancora al 13,3% sebbene in incremento”. “Abbiamo provato – aggiunge Casarella – come i bambini sappiano essere più saggi degli adulti. Nei 60 giorni di gioco, in città è stato un via vai di giovanissimi studenti che spronavano intere famiglie alla raccolta differenziata, di fatto introducendo una abitudine che speriamo non vada scemando. Il ringraziamento va quindi alla collaborazione delle famiglie, ma anche dei dirigenti scolastici e degli insegnanti che hanno, col nostro personale, saputo e voluto spingere verso una forte sensibilizzazione. Per due mesi, incontri, opuscoli, gioco: insomma, se ne è parlato”.

    “Abbiamo intrapreso con fiducia una strada sperimentale – prosegue l’assessore all’Ambiente, Palladino – che sarà ripresa al riavvio dell’anno scolastico, in autunno, allargando la platea dei soggetti coinvolti, magari includendo anche le scuole medie inferiori, e moltiplicando le aree di conferimento, per un maggiore e più facile rapporto quotidiano con l’utenza”. Al nuovo anno scolastico è rimandata la premiazione del primo istituto classificato, della classe e dell’alunno più attento alla differenziata. “In questi giorni – fa sapere il consigliere comunale Casarella (Pdl) – stiamo definendo i dettagli per l’epilogo di questa prima esperienza e il rilancio autunnale dell’iniziativa, attraverso anche una più stretta collaborazione con la Sia Srl che gestisce la discarica”.