Pubblicità
pub_728_90
Sportweb

Gino Paoli e le verità opposte

Conferenza Stampa – evento Gino Paoli – Foto di Francesco Borrelli

Erano un po’ più di quattro gli amici che ieri sera si sono ritrovati al bar Gorizia. La conferenza stampa voluta da Caterina Mandurino e dall’intera organizzazione del concerto di Gino Paoli del prossimo 2 settembre è stato un bel colpo mediatico. Le polemiche cresciute attorno ad un palco che (in origine) doveva ospitare solo e soltanto un concerto hanno creato curiosità e voglia di capire. Diverse le posizioni in campo. Per sintetizzare: da una parte la Mandurino, dall’altra Franco Conte. Ecco come (secondo loro) sono andate le cose.

Pago tutto io. «Alla fine il palco e l’occupazione del suolo pubblico me li pago io» – esordisce così Caterina Mandurino, chiarendo definitivamente che il Comune di Cerignola non sgancerà un euro, nè materialmente, nè sottoforma di servizi. «Inizialmente il concerto era stato fissato per l’8 settembre, con un contributo da parte della Deputazione di 3.500 euro. Quando ho girato per gli sponsor, tutti però mi rispondevano di aver già dato per il concerto dei Tiromancino. A quel punto ho sentito l’esigenza di rinunciare al contributo, di sganciarmi dalla Deputazione e di organizzarmelo autonomamente per il 2 settembre».12 euro costerà il tesseramento all’ associazione “Musica e parole” che permetterà di assistere, da seduti, al concerto di Paoli e della D. Small Band. Possibiltà di assistere anche seduti ai due pub che resteranno aperti, aggiungendo alla tessera il pagamento della consumazione. Un

Conferenza Stampa – evento Gino Paoli – Foto di Francesco Borrelli

totale di 500 posti a sedere, sui quali il presentatore Antonio Giancola (che nella serata del 2 sarà accompagnato da Raffaella Palumbo), precisa: «Nessun posto regalato ai politici». E proprio sui posti a sedere la Mandurino lancia l’ ultima provocazione: «Se davvero ci tiene, trovi il Comune 2.000 sedie: io non ho nessun problema a far sedere altra gente per farla assistere gratuitamente allo spettacolo». L’ultima stoccata, firmata ancora Giancola, è per la Deputazione Feste Patronali: «Purtroppo con questa Deputazione, dove i concerti li decidono i figli dei membri, non si può mai stare tranquilli. Qualche anno fa ad esempio, mi hanno fatto saltare Giusy Ferreri».

Ve lo do io Gino Paoli: la versione di Franco. A margine della conferenza stampa, Franco Conte (Presidente Consulta Cultura), più volte e più o meno esplicitamente, tirato in ballo come il grande ostracista nei confronti dell’ iniziativa, racconta a lanotiziaweb la sua versione dei fatti: «Noi avevamo firmato un contratto con la Mandurino, con il quale la Deputazione s’impegnava ad un contributo di 3.500 euro, a fornire la corrente ed io personalmente mi sarei impegnato affinchè il Comune offrisse tutti i servizi necessari. Il concerto, fino a quando era fissato per l’8 settembre, sarebbe stato gratuito e si sarebbe tenuto in corso Gramsci. In un secondo momento riceviamo una comunicazione in cui l’organizzazione ci fa sapere che, per non intaccare la sacralità della Festa, ritiene di dover spostare il concerto al 2 di settembre. Peccato però che era stata la Curia stessa ad autorizzare l’iniziativa, sia quella di Gino Paoli, che quella dei Tiromancino (che costrranno 15.000 euro). Nel momento in cui, legittimamente, si è deciso di spostare la data ed il luogo, e di introdurre un tesseramento a pagamento, la Deputazione ha deciso di ritirare il contributo ed il Comune di far pagare, ad un privato, il suolo comunale. Non vedo dov’ è lo scandalo».

Mariella Pizzolo – Foto di Francesco Borrelli

Spazio alla musica. Dopo le polemiche, da oggi e fino al 2 di settembre, l’attesa sarà solo e soltanto per un evento che si annuncia comunque come particolarmente partecipato e che metterà Cerignola in vetrina, vista anche  l’affluenza che ci si aspetta dai comuni limitrofi. Paoli canterà 10 canzoni del suo repertorio (da “La gatta” a “Il cielo in una stanza”, passando per “Sapore di sale”), che saranno, come affermato da Mariella Pizzolo, «riviste con l’ aggiunta di nuovi colori». Prima parte del concertone interamente dedicata all’ esibizione della D. Small Band, composta da 12 musicisti e che eseguirà brani come “Almeno tu nell’ universo” e “Roxane”. Appuntamento, dunque, al 2 di settembre in Piazza Mercadante. In piedi o seduti sarà comunque uno spettacolo.

Stefano Campese

 

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
Cala la pasta

Ultim'ora

Oggi tre casi di Covid-19 in Puglia, nessuna variazione nella Capitanata

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito...

Omicidio Dipaola, nel processo condannato a 22 anni di reclusione il cugino reo confesso

La corte d’assise di Milano ha condannato a 22 anni di reclusione (ed a tre anni di libertà vigilata una volta espiata la pena) Sebastian Ganci, 41 anni,...

In Puglia fissata al 24 settembre la data di riapertura delle scuole

"Suonerà nella seconda metà di settembre la campanella per migliaia di studenti e studentesse della Puglia. L'emergenza sanitaria da Covid 19 ha pesantemente inciso...

Sante Cartagena coordinatore cittadino di Forza Italia giovani

Si aggiungono nuovi tasselli che rilanceranno il movimento giovanile e di conseguenza l'intero movimento di Silvio Berlusconi. Infatti Marzia Spagnuolo ha provveduto a nominare nuovi...

Da sei giorni in Puglia non si registrano casi di Coronavirus

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi giovedì...

SOSTIENI LANOTIZIAWEB.IT

LANOTIZIAWEB.IT è il tuo quotidiano, quello che leggi gratis da dieci anni. I giornalisti della Redazione in questo particolare periodo (#emergenzaCoronavirus) stanno lavorando giorno e notte per offrire un’informazione precisa, puntuale ed affidabile. Per supportarci oggi ti chiediamo (se puoi e vuoi) un piccolo contributo. Non è un abbonamento o una sponsorizzazione: sarà una semplice donazione. Grazie!

Dona Adesso

i più letti

Non si ferma all’alt dei carabinieri con patente revocata: arrestato a Cerignola un sorvegliato speciale

Alcuni giorni fa, i militari della Stazione Carabinieri di Cerignola, nel corso di un servizio di controllo del territorio...

Omicidio Dipaola, nel processo condannato a 22 anni di reclusione il cugino reo confesso

La corte d’assise di Milano ha condannato a 22 anni di reclusione (ed a tre anni di libertà vigilata una volta espiata...

La presidenza del Rotary Club Cerignola per l’anno 2020/21 è passata al dott. Francesco di Biase

Sabato 27 giugno, il Rotary Club Cerignola ha festeggiato il Passaggio del Martelletto, cerimonia che segna il passaggio di...