More

    HomeNotizieAttualitàAlbergo moderno, parliamone con la città

    Albergo moderno, parliamone con la città

    Pubblicato il

    L’incontro-dibattito, voluto da Arcangelo Marro, consigliere comunale del Pdl, per parlare con la città (con alcune categorie e associazioni) del destino dell’ormai ex-albergo moderno già nei giorni precedenti era stato oggetto di polemiche. Le più acute provenienti da Franco Metta, per il quale tutto era deciso con lo spostamento della volumetria in zone ‘più interessanti’. E’ però l’organizzatore a margine dell’incontro di giovedì sera a smentire e a rispondere. «Ci tengo a fare delle precisazioni importanti – esordisce Marro -. Questo incontro non è voluto da Calice, ma da chi in maggioranza ci tiene a dare un volto gradevole alla città. Premesso che stiamo parlando di edilizia privata, laddove il legittimo proprietario può fare, nei limiti consentiti dalla legge, ciò che vuole, e che era già prevista nel progetto la demolizione e la ricostruzione, l’incontro da me voluto con alcuni amici della maggioranza è teso a realizzare un momento di dibattito con i cittadini, per pensare insieme cosa sia più opportuno realizzare lì, sempre tenendo conto che Cadinvest può ricostruire tranquillamente ed è nel suo diritto. Non mi piace far polemica, ma da professionista del settore mi piacerebbe che anche architettonicamente questa città posso risultare gradevole».

    Già nei mesi scorsi, e precisamente il 21 gennaio scorso, questo giornale riportò un’intervista a Donato Calice (Cadinvest) in cui lo stesso ingegnere chiarificava la questione mettendosi a disposizione. «Premesso che era indispensabile demolire e considerato che la Cadinvest ha anche una sensibilità di tipo sociale, il progetto del PIRP – affermava Calice – prevede la ricostruzione con la stessa volumetria. Quindi si può ricostruire lì. Quello che sta venendo fuori però negli ultimi giorni è che si potrebbe costruire lì una piazza e trasferire la volumetria, senza alcun incremento, in un altro sito». Da qui l’importanza di un incontro per decidere, con la città.

    L’amministrazione ha fermato la ricostruzione e ha inteso parlarne. Le proposte venute fuori sono state: spazio aperto (piazza), ripristino e ricostruzione, piano di recupero armonico della Terra Vecchia. Tutto ovviamente tutelando anche il diritto del privato (Cadinvest). In attesa che interessi politici ed economici non asfaltino i buoni propositi attendiamo un nuovo round dell’incontro.