More

    HomeNotizieCulturaAnpana Cerignola e Gli Amici di Balto chiedono aiuto alle istituzioni

    Anpana Cerignola e Gli Amici di Balto chiedono aiuto alle istituzioni

    Pubblicato il

    Pubblichiamo di seguito una nota dell’Anpana e de Gli amici di Balto indirizzata al Sindaco Giannatempo e a tutti gli organi istituzionali preposti, riguardante il problema dei cani randagi e la carenza di fondi e strumenti per curare questi animali. Ecco il documento completo.

    Sono passati solo pochi giorni dall’ultima atrocità fatta nell’ex distilleria franceschinelli, in Cerignola provincia di Foggia. Sei cani uccisi con il veleno, 1 femmina recuperata, ricoverata e sterilizzata, sono in corso indagini verso ignoti. Abbiamo ancora urgenze, siamo nuovamente con branchi di cani in giro molti in zona fornaci, molti in zona industriale, dove oggi abbiamo presentato un provvedimento urgente al Sindaco, al Comando di polizia Municipale, ed alla ASL, per un branco chiuso in un capannone sito alla Zona Industriale dove ci sono sei cuccioli nati da qualche mese. Oggi abbiamo ricevuto una segnalazione da parte di Operatori SIA (servizio nettezza Urbana), nella zona di Via Tiro a Segno sempre in Cerignola in una fossa 5 cuccioli lasciati lì al loro destino. La assoluta necessità è quella di sterilizzare-sterilizzare- sterilizzare ma ancora una volta ci troviamo un muro di omissione nonostante quello che è successo, la asl di Cerignola sta aspettando ancora le bomolette del gas per il fucile lancidardi, bombolette che non sono ancora arrivate. Abbiamo già posto la questione agli occhi della Magistratura la settimana scorsa con un esposto. Continuano ad arrivare minacce di avvelenamento da parte di cittadini esasperati nei confronti di altri cani, che non hanno commesso nessun reato. Ricordiamo che i volontari vogliono continuare a fare opera di sterilizzazzione, ma purtroppo come al solito ci tolgono i mezzi per operare. Abbiamo presentato come ANPANA al sig. Sindaco, una proposta di convenzione GRATUITA, dove le nostre Guardie tutte munite di decreto Prefettizio offrirebbero alla Cittadinanza questo servizio, che il personale di Polizia Municipale non può effettuare per carenza di uomini:

    • Controllo del randagismo territoriale (si individuano i branchi, si sterilizzano le femmine, e ri immisione sul territorio come cita la vigente ordinanza Comunale), collaborazione con i Vigili Urbani e ASL.
    • controllo dei microchip a tutti i possessori di cani se iscritti alla anagrafe canina Regionale
    • controllo dei Parchi verdi comunali
    • controllo delle discariche abusive
    • rispetto ordinanza comunale sulle deiezioni dei cani

    Ma a quando pare la giunta Comunale gira intorno al problema che va assolutamente affrontato. Ancora una volta “Gli Amici di Balto” e l’Anpana (Associazione Protezione Animali Natura Ambiente, GUARDIE ECOZOOFILE) chiedono al comune di Cerignola, all’assessore alla sanità che si facciano carico di questa situazione di allertare i servizi veterinari della asl per l’arrivo delle fatidiche bombolette, che sono state richieste da giugno 2011 prima che si ripeta quello che è successo giorni fa. Dopo sarà inutile da parte dei dirigenti, e assessori le varie interviste per cercare di togliere colpe a chi contina ad omettere il proprio lavoro.