More

    HomeEvidenzaAtto di diffida: Metta contro Mastroserio e Conte

    Atto di diffida: Metta contro Mastroserio e Conte

    Pubblicato il

    Pubblichiamo di seguito un comunicato dell’Avv. Metta, il quale illustra le motivazione dell’Atto di diffida perpetrato ai danni dell’Ing. Mastroserio, Dirigente del settore Urbanistica e Patrimonio, e della Dottoressa Conte, esperta in attività amministrative. Nello specifico, la nota riporta un presunto ritardo di alcune aziende nel pagamento dei canoni previsti per l’assegnazione di appezzamenti di terreno in loro favore, con riferimento alla Delibera di Giunta N. 328 del 6 ottobre 2011. Ecco il documento completo.

    ATTO DI DIFFIDA.

    AL SIGNOR DIRIGENTE SETTORE

    URBANISTICA E PATRIMONIO. 

    ALL’ESPERTO IN ATTIVITA’ AMMINISTRATIVE

    DOTT.ssa DANIELA CONTE.

    Nella qualità di Consigliere Comunale faccio riferimento alla delibera di Giunta Comunale nr. 328 del 6 ottobre 2011, adottata su proposta dell’ing. Vito Mastroserio e su istruttoria della dott.ssa Daniela Conte. La citata delibera attiene alla assegnazione di estensioni notevoli di terreno in favore delle ditte Cager srl e EBS srl, assegnazioni delle quali ebbi a dovermi occupare in passato per evitare che queste ditte venissero graziosamente privilegiate mediante la assegnazione di intere insule a prezzi, diciamo così ribassati. Sventata questa prima ipotesi di indebita agevolazione delle suddette ditte, non si sa perché meritevoli di trattamenti particolarmente riguardosi, si pone ora il problema del MANCATO PAGAMENTO DA PARTE DELLE MEDESIME DITTE DEGLI ELEVATISSIMI IMPORTI CHE AVREBBERO DOVUTO CORRISPONDERE AL COMUNE DI CERIGNOLA. Consultando la delibera in questione le cifre dovute sono le seguenti:

    439.956 EURO PER LE INSULE CG8\CG4\CG7\CG3\CG6\CG2\;

    866.380 EURO PER LE INSULE AT2\CF8\CF4\CF3\CF7\CF6.

    DETTI IMPORTI AVREBBERO DOVUTO ESSERE PAGATI ENTRO IL 30 DICEMBRE 2011 ED IL 30 GENNAIO 2012. So perfettamente che nemmeno un euro è stato versato, ma nonostante tale certezza, il 28 marzo scorso ho chiesto agli uffici competenti notizie ufficiali. DEL TUTTO PREVISTA ERA LA TOTALE OMISSIONE DI RISPOSTA DA PARTE VOSTRA. E’ un dato di fatto che le somme dovute non siano state pagate. A fronte di terreni ceduti già in possesso alle società inadempienti. Tanto premesso, formalmente, nella qualità di Consigliere Comunale, diffido il dirigente e la funzionaria in indirizzo a voler immediatamente procedere alla revoca della assegnazione dei predetti suoli, esattamente come previsto dal regolamento in vigore e dalla convenzione stipulata. Il tutto entro il termine di legge di giorni trenta dal ricevimento della presente. Che il sottoscritto è stato costretto a formulare, non per malanimo nei confronti dei destinatari, ma per il loro palese, continuato e perpetuato atteggiamento omissivo rispetto alla attività resa obbligatoria dall’inadempimento indiscutibile delle ditte e delle società beneficiate. A vantaggio dei cittadini che leggeranno, della stampa, dei media aggiungo che situazioni come quelle della CAGER sono diffusissime e tutte caratterizzante dalla mancata adozione dei provvedimenti dovuti; così come rammento il da me più volte giù denunciato inammissibile mercato dei suoli, con passaggi incontrollati ed illegittimi tra assegnatari che non hanno realizzato quanto dovuto e altri soggetti giuridici dai medesimi inadempienti assegnatari individuati e con i quali si intavolano vere e proprie trattative, avvalorate puntualmente e giustificate dall’intervento inspiegabile (inspiegabile……?) degli organi amministrativi comunali, con la compiacenza, se non addirittura l’imput, degli organi politici.