More

    HomeEvidenzaCommissione Cultura e Servizi alla Persona: stop a tutte le barriere architettoniche

    Commissione Cultura e Servizi alla Persona: stop a tutte le barriere architettoniche

    Pubblicato il

    Lotta serrata alle barriere architettoniche. E’ l’intento concreto emerso dalla riunione della Commissione consiliare Cultura e Servizi alla Persona, svoltasi martedì scorso a Palazzo di Città. Quest’ultima, guidata da Gianvito Casarella, ha ricevuto Simone Marinelli, della associazione “Superamento Handicap”. All’esame il punto sull’esperimento dei dissuasori di parcheggio sistemati nei mesi scorsi a tutela della percorribilità in prossimità delle rampe per disabili. L’adozione del provvedimento, scaturito da una mozione consiliare approvata a novembre 2010 su impulso dello stesso Casarella e di Nicola Netti, fu resa possibile dal reperimento del 5% degli oneri di urbanizzazione. Circa 17mila euro, che a dicembre 2011 sono stati impegnati per giungere in estate all’apposizione dei paletti e la creazione di nuove rampe. “Una iniziativa – plaude Marinelli – che ora consente a normodotati e non di percorrere quasi senza alcun disagio le strade del centro cittadino, ma tutto ciò non basta: su questa direttrice occorre andare avanti con fermezza. Ora serve che anche gli esercizi commerciali si adeguino”.

    Per farlo, la Commissione – presenti pure i consiglieri Franco Conte e Marcello Moccia – ha chiesto agli uffici comunali di verificare le agibilità concesse ad esercenti privati negli ultimi cinque anni. “Successivamente – spiega il presidente Casarella – si dovrà partire con una verifica a tappeto dei negozi, anche con la collaborazione di Superamento Handicap e dei cittadini che vorranno fornire segnalazioni specifiche. In cassa abbiamo fin qui circa 10mila euro per proseguire la battaglia”. Il problema organizzativo, a questo punto, riguarda la penuria di personale addetto alle verifiche. “Stiamo vagliando ogni soluzione di finanziamento – annuncia Netti – teso a dotare il Comune di ulteriori forze a progetto che siano utili al perseguimento dell’obiettivo, così come stiamo analizzando un bando per opere di urbanizzazione primaria e secondaria”. L’azione è finalizzata a sostenere un programma di interventi che consentano ai comuni pugliesi di realizzare opere pubbliche di miglioramento della qualità della vita degli abitanti in aree carenti di servizi e infrastrutture, diversamente destinati ad una condizione di degrado urbano.

    “Il principio che d’ora in poi deve animare l’operato della commissione e degli uffici – conclude Marinelli – è quello di non consentire l’apertura di nuove strutture pubbliche e private che presentino barriere architettoniche. Per questo, d’accordo con la stessa commissione, verranno inviate comunicazioni a tutti i titolari di attività commerciali, con le quali si chiederà a questi ultimi di adeguare la propria sede, eliminando le barriere architettoniche ove queste siano presenti. Se saremo bravi, entro dieci anni avremo vinto”.

    4 COMMENTS