More

    HomeNotizieCulturaDieta mediterranea: alimentazione, salute e benessere. Venerdì a Cerignola

    Dieta mediterranea: alimentazione, salute e benessere. Venerdì a Cerignola

    Pubblicato il

    L’Associazione Italo Europea PRIMA PERSONA con la partecipazione dell’AICS (Associazione Italiana Cultura e Sport) promuove due GIORNATE DELLA DIETA MEDITERRANEA: ALIMENTAZIONE, SALUTE E BENESSERE, presentando il ri(e)voluzionario lavoro del Prof. Fabio PICCINI, “PANE AL PANE E VINO AL VINO” Manuale di ri(e)voluzione alimentare per sconfiggere sovrappeso e obesità (ma non solo) (Ed. Franco Angeli). Gli Incontri in PRIMA PERSONA, con il Prof. Fabio PICCINI, a cui tutti i Cittadini e le Cittadine sono invitati a partecipare, si terranno: a CERIGNOLA, venerdì 30 novembre 2012, ore 18.30, presso Torre Brayda Ricevimenti, Via Teano, Km.2 e ad APRICENA, sabato 1 dicembre 2012, ore 10.00, presso l’Auditorium ISISS FEDERICO II, via Pio La Torre,1 – con gli studenti e i docenti delle Scuole Medie Superiori. Gli Incontri saranno moderati da Mara MONOPOLI, Coordinatrice Provinciale dell’Associazione Italo Europea PRIMA PERSONA. Il testo affronta un problema spinoso e sostiene una tesi ardita ed innovatrice: il regime alimentare oggi seguito dagli italiani, lungi dall’essere la vera Dieta Mediterranea, è uno tra quelli più a rischio del pianeta e, come dimostrano i dati epidemiologici, predispone alla malattia anziché alla salute. L’autore, supportando le sue tesi con un’ampia ricerca scientifica internazionale, fa piazza pulita delle idee semplicistiche che i mass-media continuano a proporre sulla cosiddetta Dieta Mediterranea e spiega in maniera chiara e diretta in che modo semplici modifiche dell’alimentazione possono proteggerci dalle più comuni malattie dei Paesi Occidentali (malattie cardiovascolari, diabete, tumori etc…). Fabio PICCINI, medico e psicoanalista, membro ordinario IAAP (International Association of Applied Psychology), è esperto in disturbi del comportamento alimentare. Perfezionatosi in Sport and Exercise Nutrition a Toronto, in Canada, fondatore e moderatore del sito http://www.anoressia-bulimia.it, è autore di numerosi libri e articoli specialistici sull’argomento. Le Giornate costituiscono il momento di avvio di un importante Percorso che PRIMA PERSONA promuove rivolgendosi a tutti gli Attori interessati del Territorio e che si occuperà

    -nella SCUOLA, di educazione alimentare per favorire nuovi stili di vita, per la salute e il benessere della Persona e per la prevenzione delle nuove grandi malattie sociali del nostro tempo nonché di educazione al consumo, di educazione ambientale, di rivalutazione della figura dell’Agricoltore e di rinnovata attenzione al grande valore della Terra;

    -di rispetto dell’ambiente in quanto eco-sistema dell’agricoltura e di diritto alla tutela e alla sicurezza alimentare del cittadino consumatore;

    -di DIETA MEDITERRANEA quale modello alimentare e di stile di vita basato sulla FRUGALITÀ e sulla CONVIVIALITÀ. Evidenziando che IL 2013 É L’ANNO EUROPEO CONTRO LO SPRECO ALIMENTARE e che la CONVIVIALITÀ indica l’importanza e il piacere che deriva dallo stare con gli altri, di condividere ed assaporare la felicità del NUTRIMENTO DELL’ARTE E DELLA CULTURA, la gioia dell’amicizia e della solidarietà, espressione dell’ATTIVITÀ SPORTIVA, si ricorda altresì che, proprio grazie all’impegno di uomini di grande valore come il Sindaco-Pescatore di Pollica, Angelo VASSALLO, simbolo del Cilento, la Dieta Mediterranea è stata inserita dall’UNESCO nella prestigiosa Lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità;

    -della promozione di un TAVOLO DI LAVORO TEMATICO relativo alla prossima nascita nel 2014 della MACROREGIONE ADRIATICO IONICA, VERA E PROPRIA CULLA DELLA DIETA MEDITERRANEA, di cui Noi siamo importante parte, quale contributo al sostegno della coesione sociale e culturale di tutte le popolazioni dell’Area Adriatico-Ionica. Dall’Iniziativa Adriatico-Ionica è già scaturito il Network UNIADRION che collega tra loro ventinove Università operanti lungo la fascia costiera dell’Adriatico e dello Ionio;

    -dello straordinario evento universale dell’EXPO 2015 “NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA” che, attraverso il Protocollo d’Intesa tra l’ANCI, l’EXPO 2015 ed il Comune di Milano, prevede la realizzazione di eventi connessi all’Esposizione Universale, in grado di raccontare con la tradizione alimentare italiana, i valori e la Cultura dei Territori del nostro Paese, così chiamando in causa pure il ruolo fondamentale dei nostri Territori e delle nostre Comunità Locali.

    Il Territorio della Capitanata con le sue Città, stakeholders istituzionali, in primis l’Università, e privati, potrebbero candidarsi ad essere TERRITORIO E CITTÀ DELLA DIETA MEDITERRANEA, partecipando in tal senso a pieno titolo a tale storico Evento con la programmazione di apposite INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI PLURITEMATICHE. Da subito, occorrerebbe promuovere, con l’adesione, l’ampliamento delle RETI SCIENTIFICHE A SOSTEGNO DELLA DIETA MEDITERRANEA (tra le principali, MEDINET che opera sotto il patrocinio dell’”Associazione Italiana Città e Siti UNESCO” e lavora in collaborazione con la Rete Euromediterranea delle Università dell’UNIMED-UNIONE DELLE UNIVERSITA’ DEL MEDITERRANEO- e con l’ANCI -Associazione delle Municipalità Italiane- attraverso l’Associazione Nazionale “ResTipica”). L’organizzazione di uno specifico WORKSHOP SUL TEMA che metta in campo appositi PROGETTI PILOTA MULTIDISCIPLINARI, rilancerebbe fortemente il rapporto fecondo tra ricerca e sperimentazione in agricoltura, tra saperi ed esperienze millenari su cui si innestano forti innovazioni scientifiche e tecnologiche (Cerignola, ad es., poteva vantare ai primi del ‘900 la prima Scuola Pratica di Agricoltura sorta in Capitanata, con coltivazioni sperimentali promosse d’intesa con il Ministero dell’Agricoltura e con altre aziende italiane. La Scuola teneva vivo il dibattito scientifico anche con la pubblicazione mensile del Bollettino Agrario), fornendo un importante ulteriore contributo allo SVILUPPO DEL MODELLO DEL SISTEMA NUTRITIVO DELLA DIETA MEDITERRANEA, soprattutto rivolto alle nuove generazioni, in Italia ed all’Estero. Risulterebbero così rafforzate le politiche della salute e le misure della sostenibilità alimentare e ambientale raccomandate dall’Unione Europea. Con un Osservatorio davvero efficace per monitorare il Ciclo dei Rifiuti, sarebbe ora auspicabile istituire sul nostro Territorio anche un OSSERVATORIO DIFFUSO SULLO STATO DELL’AGRICOLTURA che metta a fuoco con le vere criticità, le soluzioni da porre in atto, dialogando con i produttori ed i cittadini consumatori, per affermare una filiera agro-alimentare sempre più sicura, eccellente e di qualità. Come ha recentemente affermato Carlo PETRINI, il fondatore di SLOW FOOD e prestigioso componente del Comitato di Indirizzo dell’Associazione Italo Europea PRIMA PERSONA, Presieduta da Gianni PITTELLA, Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo, “la rivoluzione del cibo parla di un mondo e di un nuovo modello di sviluppo. Si combatte la crisi anche così: il comparto alimentare può incidere sull’ecologia, sulla sicurezza dei nostri territori, sul mantenimento del paesaggio che attrae turisti, sull’economia delle comunità da far crescere e sulla qualità della vita”.