More

    HomeNotizieCronacaFiamme in discarica, brucia il V lotto. Video e immagini

    Fiamme in discarica, brucia il V lotto. Video e immagini

    Pubblicato il

    Lo avevamo detto pochi giorni fa e alcuni episodi di cronaca ci davano ragione: esiste un reale rischio incendi che può diventare emergenza. Questo pomeriggio è toccato alla discarica Sia, e più precisamente al V lotto, il gran buco di immondizia che raccoglie i rifiuti di mezza Capitanata.

    Sono passare da poco le 17,00 quando all’interno del ‘nuovo’ lotto, per ragioni ancora da accertare (i vigili del fuoco non azzardano ipotesi durante le operazioni di spegnimento, ndr) prende fuoco prima parte dell’immondizia e a seguire il telo (ignifugo?) posto sui lati del mega buco. Giungono anche le squadre aeree dei Vigili del Fuoco che nulla possono a causa della vicinanza di cavi elettrici al lotto. Proprio i cavi elettrici vengono sciolti dalle fiamme interrompendo il rifornimento di energia elettrica. Per tale motivo (ma anche per un probabile cattivo funzionamento degli impianti di emergenza dell’energia elettrica, ndr) gli idranti posti al margine del sito interessato non possono funzionare e quindi il fuoco si spegne con le sole autobotti. Alcuni addetti dell’Enel allertati costatano l’impossibilità di ripristinare il rifornimento di energia elettrica. Sul luogo giungono oltre ai Vigili Urbani e a diverse pattuglie di Polizia anche il Sindaco, dott. Antonio Giannatempo, l’Assessore alla Sicurezza Franco Reddavide e il Comandante della Polizia Municipale Giuseppe Mandrone. A partita iniziata le operazioni sono ancora in corso. Nelle prossime ore, con la relazione dei Vigili del Fuoco, si potrà far luce su diversi aspetti adesso ancora oscuri. Intanto il Nucleo N.B.C.R., nucleare biologico chimico radiologico, è intervenuto per effettuare rilievi in seguito all’accaduto. Gli stessi effettuati anche dai funzionari dell’A.R.P.A. Puglia sulla qualità dell’aria.

    Le nuove emergenze Cosa lascia in dono questo episodio a Cerignola? Incertezza sulle cause, ma non solo. Aria irrespirabile di sicuro, diossina e emergenza rifiuti. Infatti prima di ritornare a scaricare nel lotto bisognerà sistemare la copertura dello stesso, andata quasi totalmente in fiamme. Vasciaveo, amministratore delegato di Sia, conferma lo stato d’emergenza, mentre il Sindaco è più prudente, almeno a parole.