More

    HomeEvidenzaGallo incontra i rilevatori del censimento, chiarimento?

    Gallo incontra i rilevatori del censimento, chiarimento?

    Pubblicato il

    Sono 33 i ragazzi che attendono di esser pagati. Per la precisione a loro, che hanno svolto il lavoro dei questionari, dovrebbero andare 88mila euro, e «si rischia – secondo il Movimento Politico La Cicogna – di non avere denaro a sufficienza per pagarli». Dopo che la polemica è stata ampiamente consumata sui giornali, Nicola Gallo, assessore al bilancio, incontra i rilevatori lo scorso 16 ottobre. Gallo spiegando innanzitutto ai ragazzi che vi sono forme differenti di liquidazione, stanziamento fisso per i dipendenti comunali e stanziamento variabile per i rilevatori, ha affermato: «Nei contratti dei rilevatori non era previsto alcun acconto, eppure sono stati liquidati 800 euro ciascuno di anticipo, teso che il pagamento sarà comunque commisurato al numero di questionari validati dall’Istat».

    «L’Istat manderà dati e saldo entro ottobre – continua la dirigente del Settore Risorse Umane, Servizi Demografici e Sviluppo Economico del Comune di Cerignola, Maria Concetta Valentino -, poi noi faremo un’ulteriore divisione per vedere a chi devono essere pagati i questionari convalidati». A questo punto una delle ragazze presenti riferisce di una sua telefonata all’Istat di Roma in cui si confermava l’avvenuto invio di tali dati al Comune di Cerignola. Per placare gli spiriti oramai bollenti si prova a chiamare in diretta e in vivavoce l’Istat, ma non si ottiene alcuna conferma o smentita. Dopo diversi momenti concitati, l’incontro termina con una promessa. «Se come concordato – conclude Gallo – l’Istat invia i dati entro la data prestabilita, in massimo 2 settimane il Comune sbrigherà le sue pratiche».

    7 COMMENTS

    1. E pagateli a quei ragazzi, quante storie inutili, sono mesi che si parla delle stesse cose, è vergognoso.
      Piuttosto datevi una mossa su fatti piu concreti e seri.
      Non siete stati eletti per raccontare barzellette tutti i giorni, ma per lavorare per la collettività. Almeno.

    2. MENO MALE CHE NON SONO STATO SORTEGGIATO PER ESSERE TRA QUEI 33 RAGAZZI.
      ALTRIMENTI SENZA SOLDI STO’ E SENZA SOLDI STAVO.

    3. Per pagare a sti poveri cristi, Gallo organizza un incontro addirittura???

      NO TE POCH O SCE’N U POO’P.

      VRGUGNA’TV.