More

    HomeEvidenzaIntervista esclusiva con Cosimo Laguardia

    Intervista esclusiva con Cosimo Laguardia

    Pubblicato il

    Campione e formatore Internazionale di Taekwondo, Presidente dell’Asd Olimpic Studio, maestro e istruttore di difesa personale per le forze pubbliche e private, ha fiuto nello scovare talenti e trasformarli in campioni, portandoli via dalle strade. E’ stato testimone diretto della prima storica medaglia alle Olimpiadi di Londra 2012, vinta da Carlo Molfetta. Per Cosimo Laguardia arriva anche la soddisfazione di ricevere il premio dei Cerignolani nel mondo, che gli sarà consegnato il prossimo 5 settembre in Piazza Matteotti, nell’ambito del gran galà di musica, arte e professioni. In esclusiva a Lanotiziaweb.it ha raccontato le sue emozioni: «Sinceramente non mi aspettavo di ricevere questo premio; nella vita ho imparato a non illudermi. E’ un riconoscimento che mette in evidenza quanto questa disciplina sia utile sotto tutti i punti di vista, dal poliziotto al carabiniere, al Vigile Urbano che dà sicurezza ai cittadini. Questo sport mi ha permesso di togliere tanti giovani dalle strade, dai luoghi negativi, facendoli diventare degli atleti; li seguiamo dal più piccolo, in termini di età, senza trascurare nessuno. Un riconoscimento a chi fa sport in modo serio e ben programmato. Ci sono giovani campioni che si stanno affermando come Veronica Erinnio, Savino Grillo, Sara Dambra, i miei figli Martina e Alessandro; per cui sto trainando un gruppo di giovanissimi che vuole pensare positivo e portare con fiducia il nome della nostra città in alto».

    Con il Maestro La Guardia ci siamo soffermati, anche, sulla storica medaglia d’oro di Carlo Molfetta, non risparmiando una frecciatina velenosa alla tv di stato che ha tagliato la Cerimonia delle medaglie: «Una Medaglia prestigiosa, vista la caratura degli sfidanti del nostro azzurro; ha portato a termini positivamente un’impresa monumentale che ci ha inseriti di diritto nell’élite del mondo sportivo. Spiace che abbiano tagliato le immagini dell’Oro sul podio; un atteggiamento vergognoso. E’ stato molto triste non vedere un campione che ha dato tanto sudore e fatica per raggiungere questo prestigioso traguardo».